Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/231: A BIELLA IL CAMPIONATO DEI GIOVANI TALENTI DEDICATO A TEODORO SOLDATI

Lucas Fallotico vince il 12° Reply International under 16


BIELLA - A ospitare la gara è il Golf Club “Le Betulle”, campo realizzato alla fine degli anni 50 sulla collina morenica della Serra, la più lunga d’Europa, un ambiente ideale per il golf. Situato a un’altitudine di 590 metri slm, Il Campo, è un...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/230: ANDREA PAVAN VINCE IL REAL CZECH MASTERS

Primo successo sull'European Tour del romano


PRAGA - È il primo successo sull’European Tour di Andrea Pavan, che già si era imposto in quattro occasioni sul Challenge Tour. Il 29enne romano ha vinto, 22 colpi sotto il par del campo, il Real Czech Masters sul percorso Albatross Golf Resort (par 72), di Praga, montepremi un...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/229: ANCHE IL GOLF A SQUADRE AGLI EUROPEI IN SCOZIA

Il team italiano medaglia di bronzo nella foursome


AUTCHTERARDER (SCOZIA) – L’innovativa competizione ha visto gareggiare insieme uomini e donne, sul percorso del Gleneagles PGA Centenary, Il torneo si è giocato nell’ambito dell’European Championship 2018, la grande novità in ambito sportivo, che dopo gli...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Treviso, l'uomo è evaso dalla comunità alloggio in cui era detenuto

AVEVA INCENDIATO LA ROULOTTE DEL PADRE: 37ENNE TORNA IN CELLA

Zambo Hudorovic, 37 anni, era stato arrestato nel 2002 e nel 2003


TREVISO - Nel 2003 era stato arrestato dai carabinieri di Castelfranco per aver appiccato un incendio all'interno della roulotte del padre, dando alle fiamme a coperte, suppellettili e coperte. E' solo uno dei precedenti con la giustizia di un nomade di 37 anni, Zambo Hudorovic. L'uomo, originario di Vigonza, stava scontando la pena prescritta dal giudice presso una comunità alloggio di Treviso ma avrebbe più volte violato le prescrizioni. Una denuncia per evasione ha portato l'uomo nuovamente in carcere, lo scorso 3 luglio: qui sconterà una pena residua di 7 mesi di carcere. Ad eseguire l'arresto sono stati gli agenti della sezione catturandi della squadra mobile di Treviso.