Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/248: PADRAIG HARRINGTON CAPITANO DELL'EUROPA IN RYDER CUP

Nel 2020 l'irlandese guiderà il team continentale nella sfida agli Usa


ROMA - Sarà l’irlandese Padraig Harrington, a svolgere la missione di Capitano europeo alla Ryder Cup 2020, prossimo appuntamento americano fra Europa e Stati Uniti. Harrington è stato scelto da un Comitato composto dagli ultimi tre capitani del massimo circuito europeo: Paul...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/247: I CAMPIONI DEL PGA INIZIANO L'ANNO ALLE HAWAII

L'outsider Schauffele trionfa nel torneo riservato ai 37 vincitori del circuito


MAUI - Al Plantation Course di Kapalua, è andato in scena l’evento riservato alla crema del PGA, cioè ai 37 che hanno vinto un torneo nel circuito della passata stagione. Il Sentry Tournament of Champions ha luogo sempre durante la prima settimana di gennaio, sempre nel medesimo...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/19: IL MOLINETTO GOLF & COUNTRY CLUB

Dai Celti agli Sforza, a Cernusco sul Naviglio si gioca tra la storia d'Italia


CERNUSCO SUL NAVIGLIO - Quello che colpisce maggiormente arrivando al Golf Molinetto, è di trovarsi all’improvviso in una realtà che si stacca completamente da tutto ciò che la circonda: il territorio tipico della Lombardia produttiva, dove la gente è soprattutto...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Treviso, svolta nelle indagini della squadra mobile, i dipinti valgono 10mila euro

FURTI DI QUADRI AL CA' FONCELLO DENUNCIATI DUE DIPENDENTI

Tre quadri di Licata trafugati in cardiologia: non ancora trovati


TREVISO - Clamorosa svolta nelle indagini sui furto di tre quadri del pittore Riccardo Licata, artista torinese di 83 anni, messi a segno lo scorso mese di luglio presso il reparto di cardiologia del Ca' Foncello. Le tele, del valore complessivo di circa 10mila euro e che facevano parte della mostra “L'arte fa bene al cuore” (esposizione voluta dal primario Zoran Olivari e avviata nel febbraio scorso), sarebbero state trafugate da due dipendenti che risultano ora indagati per furto. Sul caso erano concentrate da alcune settimane le indagini della squadra mobile di Treviso che in breve tempo hanno stretto il cerchio sugli autori di questo “furto d'arte”. Le sparizioni delle opere di Licata sarebbero avvenute nottetempo, proprio in concomitanta dei turni di notte dei due dipendenti dell'Ulss9 ed approfittando dell'assenza del personale medico e di un sistema di videosorveglianza. Se le prove nei loro confronti risultano decisive, c'è da sottolineare che le preziose tele, attualmente, non sono ancora state ritrovate. Due le piste che sono seguite dagli investigatori. I quadri potrebbero già essere stati ricettati sul mercato nero delle opere d'arte oppure, e questa è l'ipotesi più inquietante, potrebbero essere andate distrutte dagli stessi ladri, ormai braccati dagli agenti della squadra mobile ed impauriti dal clamore che la loro azione aveva creato.