Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/223: I SOCI AIGG SI SFIDANO SULLE DOLOMITI

Tre giornate in quota tra Alto Adige e Trentino


BOLZANO - Un interessante momento nelle gare dell’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti: tre giornate di golf impegnativo, in aggiunta all’annuale challenge, per godere le Dolomiti. Nella giornata di apertura ci spalanca le porte il Golf Club Eppan (Appiano): un campo da golf a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Un pensionato e un camionista in manette per produzione di sostanze stupefacenti

MARIJUANA COLTIVATA TRA IL MAIS: ARRESTATI SUOCERO E GENERO

Castelfranco, sequestrate dai carabinieri 115 piante in via Sabbionare


CASTELFRANCO VENETO – (gp) Si sono improvvisati coltivatori di marijuana e sono stati arrestati per produzione di sostanze stupefacenti. Nei guai con la giustizia sono finiti suocero e genero di Castelfranco Veneto, il primo pensionato e il secondo camionista. Dopo una decina di giorni di indagini e appostamenti, i carabinieri della città del Giorgione li hanno scoperti mentre annaffiavano le piante (115 in tutto), che si trovavano nascoste in un campo di mais di via Sabbionare non di proprietà dei due arrestati. A portare alla luce la coltivazione di marijuana sono stati gli stessi militari castellani con l'ausilio dell'elicottero dei carabinieri, dotato di una speciale telecamera capace di identificare dall'alto il tipo di coltivazione utilizzando dei filtri particolari che distinguono le varie gradazioni di verde. Dal cielo si è poi passati al controllo a terra, e infine al blitz che ha colto sul fatto i due uomini, che sono stati messi agli arresti domiciliari in attesa della convalida dell'arresto. Gli inquirenti stanno ora valutando se fossero già in possesso di un canale per lo spaccio della droga.


Galleria fotograficaGalleria fotografica