Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/231: A BIELLA IL CAMPIONATO DEI GIOVANI TALENTI DEDICATO A TEODORO SOLDATI

Lucas Fallotico vince il 12° Reply International under 16


BIELLA - A ospitare la gara è il Golf Club “Le Betulle”, campo realizzato alla fine degli anni 50 sulla collina morenica della Serra, la più lunga d’Europa, un ambiente ideale per il golf. Situato a un’altitudine di 590 metri slm, Il Campo, è un...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/230: ANDREA PAVAN VINCE IL REAL CZECH MASTERS

Primo successo sull'European Tour del romano


PRAGA - È il primo successo sull’European Tour di Andrea Pavan, che già si era imposto in quattro occasioni sul Challenge Tour. Il 29enne romano ha vinto, 22 colpi sotto il par del campo, il Real Czech Masters sul percorso Albatross Golf Resort (par 72), di Praga, montepremi un...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/229: ANCHE IL GOLF A SQUADRE AGLI EUROPEI IN SCOZIA

Il team italiano medaglia di bronzo nella foursome


AUTCHTERARDER (SCOZIA) – L’innovativa competizione ha visto gareggiare insieme uomini e donne, sul percorso del Gleneagles PGA Centenary, Il torneo si è giocato nell’ambito dell’European Championship 2018, la grande novità in ambito sportivo, che dopo gli...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 
ASCOLTA IL SERVIZIO ON-LINEAscolta la notizia

Le botte duravano da mesi: lei alla fine trova la forza di denunciarlo

LA PORTA IN CASA, LA VIOLENTA E LE SPACCA LA FACCIA A PUGNI

Infermiera di Montebelluna vittima del fidanzato bassanese


MONTEBELLUNA - L'ultimo episodio, il più grave, è avvenuto il 3 agosto. Lui la convince a salire nel suo appartamento e la violenta, lei infine riesce a divincolarsi e sale in auto, lui la rincorre, le sferra un pugno in faccia, le frattura la mandibola. Un'infermiera 37enne, del Montebellunese, da quel giorno, è ricoverata in un ospedale della Marca, dove è stata sottoposta ad un intervento di chirurgia maxillo-facciale. Qualche ora prima era andata dai Carabinieri a denunciare il suo fidanzato-aguzzino: un operaio, 39enne, di Bassano del Grappa, che ora è in carcere con l'accusa di violenza sessuale, violenza privata, lesioni personali gravi.

I due, entrambi separati, con figli (due lui, una lei), iniziano a frequentarsi alla fine dell'anno scorso. La relazione si rivela presto alquanto turbolenta: dalle scenate di gelosia, il 39enne nel giro di qualche settimana passa ad alzare le mani sulla compagna, arrivando pure a minacciarla con un coltello. La storia è, purtroppo, simile a tante altre: ogni volta, dopo che la donna lo lascia, lui la supplica, si professa pentito, giura che cambierà. Lei, forse in soggezione psicologica, forse per un invincibile terrore della solitudine, acconsente a dargli una nuova, ultima chance, puntualmente smentita. A marzo, gli presta anche 3mila euro, ma quando ne chiede la restituzione, l'operaio prima accampa scusa, poi afferra la donna per il collo e quasi la scaraventa dalle scale, presente pure un amico comune, che peraltro non interviene. Dopo l'ennesima rottura, ad agosto, la 37enne cede alle insistenze per un appuntamento: si trovano in piazza, a Bassano, perchè lui dovrebbe restituirle alcuni oggetti. Invece, l'uomo le sottrae le chiavi dell'auto e, con questa scusa, la convince a seguirlo in casa. Lì avviene lo stupro, come testimoniano anche numerosi lividi sulle braccia. La 37enne, infine, riesce a recuperare le chiavi e a raggiungere la sua vettura. Ma non fa in tempo ad allontanarsi che il fidanzato le piomba addosso e, attraverso il finestrino aperto, la colpisce con violenza al volto, fracassandole la mandibola. Il pessimo, sconfortante epilogo di quello che la comandante dei Carabinieri di Montebelluna, Eleonora Spadati, definisce “un amore malato”.