Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/179: THE OPEN

Il trionfo di Jordan Spieth che vice il terzo major stagionale


GRAN BRETAGNA - The Open Championship o semplicemente The Open, è il British Open, che così vien chiamato solo fuori del Regno Unito. È la competizione golfistica tra le più importanti, la più longeva, ha storia di tre secoli. È l’unico dei quattro...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Il mister, ex biancoceleste, ha battuto la concorrenza di Lenisa e Realini

SIMONE PIOVANELLI È IL NUOVO ALLENATORE DELL'ACD TREVISO

"Vedrete una squadra offensiva, voglio ridare entusiasmo ai tifosi"


TREVISO - E' Simone Piovanelli il nuovo tecnico dell'ACD Treviso. Fiorentino, 51 anni a ottobre, Piovanelli è stato ex giocatore biancoceleste e, da mister, ha lavorato a Fontanafredda, Godega, Codognè, Oderzo (con promozione in Eccellenza), due anni a Vittorio Veneto, Prata di Pordenone e Mansuè. Ha battuto la concorrenza di Lenisa e Realini. Eccellente conoscitore del campionato di Promozione, sarà lui dunque a guidare la squadra nel primo anno post Corvezzo. "Non è stato facile metterci d'accordo, io e la società, c'era qualche problema da risolvere, compreso quello del mio lavoro, da conciliare con gli allenamenti al pomeriggio, sperando anche di non avere problemi a reperire i giocatori. Ma alla fine ci siamo trovati: da parte mia c'era la voglia di allenare una piazza importante come Treviso: è dall'85 che sono qua, ormai mi sento trevigiano. Inoltre ci metto l'amicizia con i dirigenti e la voglia di far bene. Riguardo la squadra, dovremo trovare giocatori studenti o che lavorano part time: in questo modo le scelte saranno ancora più ristrette." Come intendi il calcio da allenatore? "Tutti oggi si riempiono la bocca di moduli e tattiche, io dico semplicemente che il mio è un calcio offensivo e dinamico, poi dipenderà anche dalla squadra che avrò a disposizione e dagli avversari. Capisco che la Promozione non è una categoria altissima, ma cercheremo pian piano di creare un certo entusiasmo."