Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/223: I SOCI AIGG SI SFIDANO SULLE DOLOMITI

Tre giornate in quota tra Alto Adige e Trentino


BOLZANO - Un interessante momento nelle gare dell’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti: tre giornate di golf impegnativo, in aggiunta all’annuale challenge, per godere le Dolomiti. Nella giornata di apertura ci spalanca le porte il Golf Club Eppan (Appiano): un campo da golf a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Concluso lo studio dell'Ulss 7 su 400 residenti nell'area viticola

FITOFARMACI SUI VIGNETI DEL PROSECCO, INNOCUI PER LA SALUTE

Livelli assenti o identici a chi vive nelle grandi città


PIEVE DI SOLIGO - I trattamenti fitosanitari nei vigneti del Prosecco non stanno avendo un'incidenza particolare sull'organismo dei residenti della zona. E' quello che emerge da biomonitoraggio condotto nei mesi scorsi dall'Ulss 7 di Pieve di Soligo.

Sono stati esaminati i livelli urinari di etilentiourea, indicatore dell’assorbimento dei ditiocarbammati, una delle sostanze più comunemente usate per evitare la formazione di funghi sulle viti. Lo studi ha riguardato quasi 400 individui, 260 dei quali adulti e 126 bambini di età compresa tra i 3 e i 5 anni. In oltre la metà (circa il 53%) dei soggetti esaminati i valori erano così bassi da non essere rilevabili in laboratorio. Nella restante quota, i livelli rilevati erano complessivamente sovrapponibili a quelli evidenziati, da studi effettuati in passato, su soggetti residenti in alcune grandi città italiane (nelle quali non ci sono, ovviamente, vigneti vicini alle abitazioni). Non sono emerse significative differenze, nelle analisi, nè in rapporto al comune di residenza né, per i bambini, alla frequenza di asili situati in Comuni con maggior densità di vigneti. "I risultati dello studio, che attesta livelli di assorbimento dei residenti nell’area del prosecco DOCG sovrapponibili a quelli registrati, in passato, nella popolazione generale - commenta il Direttore del Dipartimento di Prevenzione, Sandro Cinquetti - rappresentano un ulteriore elemento di concretezza nel dibattito relativo ai possibili effetti sulla salute dei fitofarmaci usati nella viticoltura”.

Ai nostri microfoni il commento del presidente del Consorzio di tutela del Prosecco Docg, Innocente Nardi.