Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/186: CONCLUSO IL CHALLENGE 2017 DEI GIORNALISTI GOLFISTI

Le ultime due tappe in Lombardia, all'Albenza e Villa d'Este


TREVISO - Due belle giornate, 4 e 5 settembre, in due campi super, hanno contraddistinto la conclusione del viaggio in Italia dei giornalisti golfisti: il challenge di dodici memorabili tappe, che ci han permesso di giocare su altrettanti campi, riconosciuti tra i più belli d’Italia....continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/185: I CAMPIONI DI DOMANI DI SCENA AL "TEODORO SOLDATI"

Il sudafricano Vorster trionfa all'International Under 16 Championship


BIELLA - Gara di rilievo l’International Under 16 Championship. Questo Campionato Internazionale disputato per la prima volta nel 2007 (andato in dote a Rory McIlroy), fa parte del calendario EGA, ed è la manifestazione più sentita del panorama golfistico europeo a livello...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/184: IL GOLF CONQUISTA L'ITALIA CON LA RYDER CUP

Eventi promozionali dal Monte Bianco alla Sicilia


TREVISO - Nell’accettare l’agognata assegnazione al nostro Paese della Ryder Cup 2022, la Federazione Italiana Golf si è dovuta seriamente impegnare per lo sviluppo di questa disciplina sportiva, e per un arco temporale che va dal 2016 al 2027. Sono previsti circa 105 tornei di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

La compagna di Fernando Bortolon verrà interrogata per rogatoria

RAPINA ALLA GIOIELLERIA ZACCO: OGGI LA 21ENNE DAL GIUDICE

La giovane probabilmente si avvarrà della facoltà di non rispondere


CASTELFRANCO VENETO - (gp) Verrà interrogata a Padova per rogatoria questamattina la 21enne di San Martino di Lupari che assieme al compagno Fernando Bortolon rapinò la gioielleria “Giorgio Zacco” di Castelfranco Veneto l'8 agosto scorso. La giovane, difesa dall'avvocato Guido Galletti che depositerà proprio stamane la nomina, con ogni probabilità si avvarrà della facoltà di non rispondere in attesa di prendere visione di quanto ha dichiarato invece al gip il compagno 43enne. A differenza di Bortolon, la giovane non si trova in carcere ma è sottoposta soltanto all'obbligo di dimora, misura disposta già nell'ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip di Treviso per permetterle di accudire il figlio di 11 mesi. Sembra quasi scontato che nessuna modifica venga richiesta né tanto meno concessa senza il parere del pm di Treviso Massimo De Bortoli, titolare delle indagini. Per il momento rimane tale anche la misura a carico di Fernando Bortolon. Il legale del 43enne, l'avvocato Salvatore Cianciafara, presenterà nei prossimi giorni l'istanza per chiedere che vengano concessi almeno gli arresti domiciliari sulla scorta della piena confessione resa al giudice in sede di interrogatorio di garanzia.