Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

"Mi servono soldi - si è giustificato con i Carabinieri - per ristrutturare la villetta"

PIANTAGIONE DI MARIJUANA NEL GIARDINO DIETRO CASA

Nei guai un agricoltore di Roncade: in cortile 13 piante da 1,5 metri


RONCADE - Davanti ai Carabinieri, che l'hanno denunciato per produzione e traffico di stupefacenti, si è giustificato quel particolare orticello impiantato dietro casa, sostenendo di aver bisogno di soldi per ristrutturare la sua villetta.

Così per arrotondare, un 40enne di Roncade aveva messo a frutto le sue conoscenze professionali – di mestiere fa il coltivatore in una cooperativa agricola – seminando 13 piante di marijuana nel giardino della sua casa a schiera. E, beneficate dalle esperte cure, le pianticelle avevano ormai raggiunto l'altezza di quasi un metro e mezzo: troppo, evidentemente, per passare inosservate.

Ai nostri microfoni, il capitano Claudio Papagno, comandante della compagnia Carabinieri di Treviso.