Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/231: A BIELLA IL CAMPIONATO DEI GIOVANI TALENTI DEDICATO A TEODORO SOLDATI

Lucas Fallotico vince il 12° Reply International under 16


BIELLA - A ospitare la gara è il Golf Club “Le Betulle”, campo realizzato alla fine degli anni 50 sulla collina morenica della Serra, la più lunga d’Europa, un ambiente ideale per il golf. Situato a un’altitudine di 590 metri slm, Il Campo, è un...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/230: ANDREA PAVAN VINCE IL REAL CZECH MASTERS

Primo successo sull'European Tour del romano


PRAGA - È il primo successo sull’European Tour di Andrea Pavan, che già si era imposto in quattro occasioni sul Challenge Tour. Il 29enne romano ha vinto, 22 colpi sotto il par del campo, il Real Czech Masters sul percorso Albatross Golf Resort (par 72), di Praga, montepremi un...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/229: ANCHE IL GOLF A SQUADRE AGLI EUROPEI IN SCOZIA

Il team italiano medaglia di bronzo nella foursome


AUTCHTERARDER (SCOZIA) – L’innovativa competizione ha visto gareggiare insieme uomini e donne, sul percorso del Gleneagles PGA Centenary, Il torneo si è giocato nell’ambito dell’European Championship 2018, la grande novità in ambito sportivo, che dopo gli...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Sotto accusa per istigazione a delinquere un ex esponente di Veneto Stato

"QUALCUNO UCCIDA LA KYENGE": LA PROCURA INDAGA IL VENETISTA

La frase incriminata (poi rimossa) comparsa sul suo profilo Facebook


TREVISO - (gp) La Procura di Treviso ha formalmente iscritto nel registro degli indagati un 50enne di Preganziol, ex esponente di Veneto Stato, per il reato di istigazione a delinquere. L'inchiesta, aperta dal procuratore capo Michele Dalla Costa, è scaturita dalle frasi choc contro il ministro per l'integrazione Cècile Kyenge postate su Facebook dall'uomo, candidato alle elezioni comunali di Silea nel 2012. L'attacco incriminato, poi rimosso dal profilo recitava: “La Kyenge dice che se vogliamo eliminare il burqa anche le suore si devono togliere il velo. Siamo all’assurdo, qualcuno uccida questa put... idiota e inutile”. Dopo il caso Valandro e i diversi episodi di razzismo nei confronti del ministro di colore, la frase del 50enne è risultata, almeno secondo gli inquirenti, più pesante delle precedenti perchè non si è limitata a offese a sfondo razziale ma invitava a uccidere Cècile Kyenge. La prova è proprio nell'ipotesi di reato contestata all'uomo: istigazione a delinquere e non istigazione all'odio razziale o, come nel caso Valandro, istigazione a commettere atti di violenza sessuale per motivi razziali.