Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Blitz della squadra mobile di Venezia: sei persone arrestate e due ricercate

TRAFFICO DI LUCCIOLE UNGHERESI: SGOMINATA BANDA DI SFRUTTATORI

Dieci minuti con ogni cliente, "affitto" da pagare per le altre prostitute


VENEZIA - Dovevano appartarsi per non più di dieci minuti con ogni cliente ed il denaro era poi interamente consegnato agli sfruttatori. Per le lucciole degli altri gruppi che gestiscono la prostituzione sul Terraglio tra Treviso e Venezia esisteva invece una sorta di “affitto”, preteso con minacce anche fisiche: 50 euro da versare all'organizzazione per poter vendere il proprio corpo nelle zone controllate dalla banda. La squadra mobile della Questura di Venezia ha sgominato un gruppo di cittadini ungheresi ed albanesi, composto da sei persone, tutti arrestati per induzione, sfruttamento e favoreggiamento della prostituzione. Ad essere costrette a vendere il proprio corpo erano soprattutto lucciole ungheresi. Due tra gli indagati sono ancora irreperibili e sono ricercati in tutta Europa. Lgli investigatori hanno accertato anche transazioni di denaro tramite agenzie di money transfer per svariate migliaia di euro.