Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/223: I SOCI AIGG SI SFIDANO SULLE DOLOMITI

Tre giornate in quota tra Alto Adige e Trentino


BOLZANO - Un interessante momento nelle gare dell’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti: tre giornate di golf impegnativo, in aggiunta all’annuale challenge, per godere le Dolomiti. Nella giornata di apertura ci spalanca le porte il Golf Club Eppan (Appiano): un campo da golf a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 
ASCOLTA IL SERVIZIO ON-LINEAscolta la notizia

Una commissione di esperti studierà eventuali modifiche

IL PAT SCONOSCIUTO SPIEGATO AI TREVIGIANI

La giunta vara incontri e brochure per illustrare il piano


TREVISO - Il Pat, Piano di assetto del territorio, è lo strumento che definirà il volto di Treviso, dall'urbanistica alla viabilità, per i prossimi decenni. Ma resta sconosciuto a molti trevigiani. Per questo l'amministrazione ha varato un calendario di incontri per spiegarlo a cittadini, ordini professionali, associazioni varie.

Nel primo appuntamento, il 5 settembre, verrà illustrato ai consiglieri comunali. Il giorno successivo, invece, sarà riservato ad un confronto sul tema con una decina di Comuni confinanti, poiché molte delle misure non avranno impatto solo sul capoluogo. Il 24 e il 30 settembre, invece, sono in programma due riunioni aperte a tutti: nel primo incontro i tecnici che ne hanno seguito l'elaborazione esporranno la filosofia e le linee adottate, nel secondo, invece, spazio alle richieste e ai suggerimenti dei partecipanti.

Ca' Sugana sta anche predisponendo un depliant, da distribuire ai cittadini, con le informazioni base sull'argomento, a partire dai più frequenti termini specifici.

L'8 ottobre scadranno i termini per la presentazione di osservazioni al Pat, dopo la riapertura decisa dall'amministrazione. La stessa amministrazione, che non esclude un'ulteriore finestra, con ogni probabilità presenterà dei propri rilievi: allo scopo è in fase di costituzione un'apposita commissione di esperti. Alla fine del percorso informativo, si potrebbe arrivare al ritiro e al rifacimento, se non dell'intero documento, di alcune sezioni significative. L'attuale Pat, infatti, è frutto della precedente amministrazione e l'attuale giunta non nasconde di dissentire sugli orientamenti di base dettati. Come già più volte annunciato in campagna elettorale, Manildo e i suoi puntano su stop a nuove edificazioni, costruire sul costruito, ovvero riqualificazione dell'esistente, e su un possibile riduzione del 1,6 milioni di metri cubi concessi dal vecchio Prg ed inglobati nel Pat.