Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/223: I SOCI AIGG SI SFIDANO SULLE DOLOMITI

Tre giornate in quota tra Alto Adige e Trentino


BOLZANO - Un interessante momento nelle gare dell’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti: tre giornate di golf impegnativo, in aggiunta all’annuale challenge, per godere le Dolomiti. Nella giornata di apertura ci spalanca le porte il Golf Club Eppan (Appiano): un campo da golf a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Colpiti un'anziana e un uomo di 50 anni: saranno dimessi nei prossimi giorni

DUE CASI DI WEST NILE A TREVISO: I PAZIENTI SONO FUORI PERICOLO

L'Ulss 9 rassicura i trevigiani: entrambi infettati fuori provincia


TREVISO – (gp) Il virus del Nilo colpisce anche a Treviso. Sono due infatti i pazienti che sono stati colpiti dal cosiddetto “West Nile” e che, come riporta una nota ufficiale dell'Ulss 9, sono già fuori pericolo e prossimi alle dimissioni dall'ospedale Ca' Foncello. A individuare i due casi è stato il Servizio di Microbiologia del nosocomio trevigiano, diretto dal dottor Roberto Rigoli. Il primo riguarda una donna anziana che ha manifestato un quadro di encefalite.  Il secondo caso invece si riferisce a un uomo di cinquant’anni che dal punto di vista clinico ha sviluppato un quadro di meningite a rapida risoluzione senza alcun residuato. Entrambi sono stati affidati alle cure del reparto di Malattie Infettive, diretto dal dottor Piergiorgio Scotton e sono entrambi fuori pericolo. Dall’anamnesi dei pazienti, alla luce dei dati epidemiologici, si può ipotizzare che i due pazienti possano essere stati infettati in zone già segnalate per la presenza di insetti positivi al virus West Nile, comunque estranee alla provincia di Treviso.