Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/223: I SOCI AIGG SI SFIDANO SULLE DOLOMITI

Tre giornate in quota tra Alto Adige e Trentino


BOLZANO - Un interessante momento nelle gare dell’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti: tre giornate di golf impegnativo, in aggiunta all’annuale challenge, per godere le Dolomiti. Nella giornata di apertura ci spalanca le porte il Golf Club Eppan (Appiano): un campo da golf a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Treviso, quella vera revocata tempo fa, aveva beffato più volte i controlli

ACQUISTA LA PATENTE IN INTERNET 42ENNE STANGATO DAI VIGILI

Documento pagato on line circa 1000 euro, primo caso nella Marca


TREVISO - Aveva acquistato un permesso di guida internazionale in internet per poter circolare nonostante la sua vera patente fosse ormai revocata da anni. Ad essere scoperto dagli agenti della polizia locale un 42enne, B.A., pregiudicato, da anni residente a Treviso ma originario di Venezia: l'uomo è stato denunciato ed il suo veicolo, una Suzuki Ignis, è stata posta sotto sequestro. L'uomo è finito nelle maglie di un controllo svolto dai vigili in centro storico nel tardo pomeriggio di martedì. Il 42enne pensava di farla franca come in altre occasioni: ha infatti raccontato di aver più volte esibito senza conseguenze (aldilà di qualche multa per normali infrazioni stradali) il titolo di guida falso. E' la prima volta che la polizia locale sequestra questo tipo di documento e ne scopre la falsità: quello di acquistare “permessi di guida internazionali” in internet è un fenomeno nuovo ma sempre più diffuso in Italia. Nel web esistono infatti numerosi siti esteri che consentono di poter ottenere il documento pagando anche cifre minime, 50-60 euro. Il 42enne pizzicato dalla polizia locale ha raccontato di aver però pagato una somma ben superiore per la licenza di guida tarocca: quasi 1000 euro.