Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/216: LA CINA È VICINA ANCHE SUL GREEN

A Pechino, lo svedese Bjork supera Otaegui


TREVISO - Ed ecco l’Open di questo Paese fino a ieri tanto lontano da noi, e che oggi, in quanto a Golf e non solo, si sta portando in pole position nel mondo.Il Volvo China Open, torneo dell’European Tour che si avvale dell’organizzazione dell’Asian Tour, si gioca al Topwin...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/215: ALLA MONTECCHIA VA IN SCENA IL BANCA GENERALI INVITATIONAL

Quarta tappa del circuito sponsorizzato dal gruppo bancario


SELVAZZANO DENTRO (PD) - In un ambiente speciale, la gara di golf 18 buche stableford, contrassegnata dall’esclusività e dal prestigio di “Banca Generali Private”. Era la quarta delle sette tappe del “Trofeo di golf area nord est” sponsorizzato da Banca...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/214: IL CHALLENGE AIGG RITORNA IN VENETO

Giornalisti golfisti impegnati a Frassanelle e al Colli Berici


PADOVA/VICENZA - Il Challenge dei Giornalisti Golfisti d’Italia 2018, dopo le giornate romane è arrivato in Veneto, nel padovano e nel vicentino. Abbiamo giocato in due particolarissimi Campi, ambientati in luoghi molto interessanti. Nella prima giornata abbiamo goduto della...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

L'intervista alla fotografa Raffaella Giardini

LA MOSTRA: TREVISO IN POLAROID

La vernice venerdì 6 settembre a Palazzo Piva di Valdobbiadene


VALDOBBIADENE - (ag) Contemporanea ma dallo spirito vintage. E' la “Treviso in Polaroid” di Raffaella Giardini, il progetto artistico della fotografa e architetto di Valdobbiadene dedicato al capoluogo della Marca, in mostra da venerdì 6 settembre presso il Palazzo Celestino Piva di Valdobbiadene.

Una Treviso vitale, con i suoi monumenti, le architetture veneziane, le arterie d'acqua, le persone che la percorrono a piedi o in bicicletta. E poi i riflessi della città nelle vetrine, in uno spaesamento dimensionale che tocca lo spazio, oltre al tempo. Raffaella Giardini, come racconta ai nostri microfoni, manipola le pellicole, sperimenta soluzioni che avvicinano la fotografia alla resa pittorica. Trascura l'oggettività del mezzo per creare piuttosto suggestioni intime e visioni soggettive.

L'esposizione è composta da 50 scatti realizzati tra il 2008 e il 2013: sono stampe di formato 50x70cm, mentre per gli ultimi scatti, ad oggi inediti, l'artista ha scelto di mantenere la pellicola originale. Ad arricchire le immagini sono le brevi poesie della storica dell'arte Alessandra Caldart le cui parole, inoltre, introducono il catalogo “Treviso in Polaroid”.

 

Per informazioni: www.raffaellagiardini.it