Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/194: IN SUDAFRICA IL PENULTIMO ATTO DELL'EUROPEAN TOUR

Vittoria per l'indolo di casa Brendan Grace


Dopo il Turkish Open, giocato ad Antalya la scorsa settimana e conquistato da Justin Rose, siamo ora al Gary Player GC di Sun City (par 72) in Sudafrica, dove, dal 9 al 12 novembre, si disputa il Nedbank Golf Challenge penultimo atto dell’European Tour, e settimo degli otto eventi delle Rolex...continua

Cronaca
PILLOLE DI GOLF/193: IN OMAN SI CONCLUDE LA CORSA DEL CHALLENGE

In palio la "carta" per l'European Tour


MUSCAT - Ricordiamo brevemente cos’è il Challenge, chiamato un tempo Satellite. È un Tour organizzato dal PGA European Tour, con la serie di tornei di golf professionali. È finalizzato allo sviluppo e alla promozione degli atleti al Tour europeo, che si classificano in...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/192: JUSTIN ROSE, RIMONTA VINCENTE IN CINA

Il Wgc di Shanghai si decide solo nel giro finale


SHANGHAI - Sul percorso dello Sheshan International GC (par 72), a Shanghai, dal 26 al 29 ottobre, si è giocato il quarto e ultimo torneo stagionale, del World Golf Championship, il mini circuito mondiale, a cui sono stati ammessi appena 78 concorrenti, solo i grandi. Com’è...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

L'intervista alla fotografa Raffaella Giardini

LA MOSTRA: TREVISO IN POLAROID

La vernice venerdì 6 settembre a Palazzo Piva di Valdobbiadene


VALDOBBIADENE - (ag) Contemporanea ma dallo spirito vintage. E' la “Treviso in Polaroid” di Raffaella Giardini, il progetto artistico della fotografa e architetto di Valdobbiadene dedicato al capoluogo della Marca, in mostra da venerdì 6 settembre presso il Palazzo Celestino Piva di Valdobbiadene.

Una Treviso vitale, con i suoi monumenti, le architetture veneziane, le arterie d'acqua, le persone che la percorrono a piedi o in bicicletta. E poi i riflessi della città nelle vetrine, in uno spaesamento dimensionale che tocca lo spazio, oltre al tempo. Raffaella Giardini, come racconta ai nostri microfoni, manipola le pellicole, sperimenta soluzioni che avvicinano la fotografia alla resa pittorica. Trascura l'oggettività del mezzo per creare piuttosto suggestioni intime e visioni soggettive.

L'esposizione è composta da 50 scatti realizzati tra il 2008 e il 2013: sono stampe di formato 50x70cm, mentre per gli ultimi scatti, ad oggi inediti, l'artista ha scelto di mantenere la pellicola originale. Ad arricchire le immagini sono le brevi poesie della storica dell'arte Alessandra Caldart le cui parole, inoltre, introducono il catalogo “Treviso in Polaroid”.

 

Per informazioni: www.raffaellagiardini.it