Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/223: I SOCI AIGG SI SFIDANO SULLE DOLOMITI

Tre giornate in quota tra Alto Adige e Trentino


BOLZANO - Un interessante momento nelle gare dell’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti: tre giornate di golf impegnativo, in aggiunta all’annuale challenge, per godere le Dolomiti. Nella giornata di apertura ci spalanca le porte il Golf Club Eppan (Appiano): un campo da golf a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Il Ministero firma 25 decreti per la fruizione degli spazi delle sedi distaccate

NUOVA GEOGRAFIA GIUDIZIARIA: MONTEBELLUNA FARÀ DA ARCHIVIO

In Veneto "risparmiata" anche la sede di Dolo, soltanto come deposito


MONTEBELLUNA – (gp) Dal 13 settembre scatta la riforma della geografia giudiziaria. L'accorpamento a Treviso delle sedi distaccate di Conegliano, Montebelluna e Castelfranco Veneto sta creando non pochi grattacapi ai vertici del Palazzo di Giustizia di via Verdi, in termini oggettivi per quanto riguarda gli spazi e in termini logistici sul fronte dei traslochi. Una mano è arrivata direttamente dal Ministero e riguarda proprio il tribunale di Montebelluna, la cui sede per i prossimi 5 anni potrà essere utilizzata come archivio e deposito. Treviso è una delle 25 realtà italiane che usufruirà di questa partenza a rilento della riforma, che di certo aiuta ma non risolve i problemi cronici del tribunale di Treviso, dalla carenza d'organico alla ristrettezza dei fondi. A firmare i 25 decreti di “proroga” è stato il ministro Cancellieri, che ne ha anche previsti altri 20 che permettono di continuare l'esercizio dell'attività giurisdizionale fino all'esaurimento dei giudici civili e penali pendenti. Il Veneto, tra questi, non ne ha incassato nemmeno uno. E dei 25, oltre a Montebelluna, è stata premiata soltanto la richiesta di Venezia che non vedrà chiudere la sede distaccata di Dolo “per il provvisorio deposito dei relativi archivi, dei corpi di reato riguardanti i procedimenti definiti nonché degli arredi e delle attrezzature non utilizzabili presso l’ufficio accorpante”.