Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/179: THE OPEN

Il trionfo di Jordan Spieth che vice il terzo major stagionale


GRAN BRETAGNA - The Open Championship o semplicemente The Open, è il British Open, che così vien chiamato solo fuori del Regno Unito. È la competizione golfistica tra le più importanti, la più longeva, ha storia di tre secoli. È l’unico dei quattro...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Il Ministero firma 25 decreti per la fruizione degli spazi delle sedi distaccate

NUOVA GEOGRAFIA GIUDIZIARIA: MONTEBELLUNA FARĄ DA ARCHIVIO

In Veneto "risparmiata" anche la sede di Dolo, soltanto come deposito


MONTEBELLUNA – (gp) Dal 13 settembre scatta la riforma della geografia giudiziaria. L'accorpamento a Treviso delle sedi distaccate di Conegliano, Montebelluna e Castelfranco Veneto sta creando non pochi grattacapi ai vertici del Palazzo di Giustizia di via Verdi, in termini oggettivi per quanto riguarda gli spazi e in termini logistici sul fronte dei traslochi. Una mano è arrivata direttamente dal Ministero e riguarda proprio il tribunale di Montebelluna, la cui sede per i prossimi 5 anni potrà essere utilizzata come archivio e deposito. Treviso è una delle 25 realtà italiane che usufruirà di questa partenza a rilento della riforma, che di certo aiuta ma non risolve i problemi cronici del tribunale di Treviso, dalla carenza d'organico alla ristrettezza dei fondi. A firmare i 25 decreti di “proroga” è stato il ministro Cancellieri, che ne ha anche previsti altri 20 che permettono di continuare l'esercizio dell'attività giurisdizionale fino all'esaurimento dei giudici civili e penali pendenti. Il Veneto, tra questi, non ne ha incassato nemmeno uno. E dei 25, oltre a Montebelluna, è stata premiata soltanto la richiesta di Venezia che non vedrà chiudere la sede distaccata di Dolo “per il provvisorio deposito dei relativi archivi, dei corpi di reato riguardanti i procedimenti definiti nonché degli arredi e delle attrezzature non utilizzabili presso l’ufficio accorpante”.