Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/179: THE OPEN

Il trionfo di Jordan Spieth che vice il terzo major stagionale


GRAN BRETAGNA - The Open Championship o semplicemente The Open, è il British Open, che così vien chiamato solo fuori del Regno Unito. È la competizione golfistica tra le più importanti, la più longeva, ha storia di tre secoli. È l’unico dei quattro...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

"La voglia di lavorare c'è, ma è difficile conciliare con la famiglia"

"GIOVANI E DONNE SONO ADATTABILI, SERVONO PIÙ SERVIZI E TUTELE"

Valentina Cremona (Confcommercio) replica a Vardanega


TREVISO - “La rivoluzione necessaria, nel lavoro, non si è ancora attuata, e manca, soprattutto per donne e giovani, una vera cultura della conciliazione e della flessibilità". Valentina Cremona, presidente di Terziario Donna ed ex presidente dei giovani di Confcommercio Treviso, replica così alle dichiarazioni di Alessandro Varadanega, leader di Unindustria. Il numero uno degli industriali trevigiani aveva sottolineato come molte imprese hanno difficoltà, nonostante la crescente disoccupazione, a trovare addetti per certi lavori e certe mansioni. In particolare tra le donne e i giovani. Nel terziario invece, secondo Cremona la gran parte di queste categorie ha dimostrato voglia di intraprendere e adattabilità. La rappresentante delle 1.500 imprese femminili del terziario di Marca ribadisce come piuttosto occorra "tutelare e rappresentare tutte quelle donne che, fuoriuscite dal lavoro dipendente, si sono inventate, spesso con figli piccoli-, un’attività autonoma per mettere a frutto i propri talenti e per riuscire a conciliare con gli impegni della famiglia". E Cremona spezza una lancia anche in difesa di giovani impegnati nel sistema del commercio, del turismo e dei servizi: "Giovani che, pur scolarizzati, si adattano a lavori precari, anche in settori lontani da quelli della propria formazione, accettando anche due lavori, uno nella settimana ed uno nei week-end, spesso nei pubblici esercizi e nella ristorazione".