Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/200: DUSTIN JOHNSON CAMPIONISSIMO ALLE HAWAII

Il numero uno del ranking trionfa nel Sentry Toornament


TREVISO - Siamo ormai all’undicesimo torneo del PGA americano 2018, il Sentry Tournament of Champions, che si è giocato negli Stati Uniti al Plantation Course di Kapalua, da 4 al 7 gennaio. È l’undicesimo, giacché la prima gara della stagione, il Safeway Open,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/199: NEL 2018 L'OPEN D'ITALIA SUL LAGO DI GARDA

Novità di fine anno dal universo dei green italiani


TREVISO - Notizie che ci sono pervenute negli ultimi giorni e che val la pena di commentare. Cominciamo con l’Open d’Italia. Il 75° open d’Italia, la massima manifestazione nazionale di golf, non si giocherà nel 2018 al Golf Milano, bensì al Gardagolf country...continua

Golf
PILLOLE DI GOLFF/198: SI CONCLUDE IL CIRCUITO EUROPEO FEMMINILE

La protesta delle giocatrici: "Discriminate rispetto ai maschi"


Oggi parliamo di donne, di queste abili signore che si impegnano oltre misura alla ricerca del successo in Campo. A dire il vero, sono arrabbiate le golfiste europee, per la discriminazione che subiscono nel confronto con i maschi. Non conosco i motivi che generano questa scarsa considerazione, non...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

"La voglia di lavorare c'è, ma è difficile conciliare con la famiglia"

"GIOVANI E DONNE SONO ADATTABILI, SERVONO PIÙ SERVIZI E TUTELE"

Valentina Cremona (Confcommercio) replica a Vardanega


TREVISO - “La rivoluzione necessaria, nel lavoro, non si è ancora attuata, e manca, soprattutto per donne e giovani, una vera cultura della conciliazione e della flessibilità". Valentina Cremona, presidente di Terziario Donna ed ex presidente dei giovani di Confcommercio Treviso, replica così alle dichiarazioni di Alessandro Varadanega, leader di Unindustria. Il numero uno degli industriali trevigiani aveva sottolineato come molte imprese hanno difficoltà, nonostante la crescente disoccupazione, a trovare addetti per certi lavori e certe mansioni. In particolare tra le donne e i giovani. Nel terziario invece, secondo Cremona la gran parte di queste categorie ha dimostrato voglia di intraprendere e adattabilità. La rappresentante delle 1.500 imprese femminili del terziario di Marca ribadisce come piuttosto occorra "tutelare e rappresentare tutte quelle donne che, fuoriuscite dal lavoro dipendente, si sono inventate, spesso con figli piccoli-, un’attività autonoma per mettere a frutto i propri talenti e per riuscire a conciliare con gli impegni della famiglia". E Cremona spezza una lancia anche in difesa di giovani impegnati nel sistema del commercio, del turismo e dei servizi: "Giovani che, pur scolarizzati, si adattano a lavori precari, anche in settori lontani da quelli della propria formazione, accettando anche due lavori, uno nella settimana ed uno nei week-end, spesso nei pubblici esercizi e nella ristorazione".