Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/189: CAMPI PRATICA, COLONNA PORTANTE DELLO SPORT

A Ca' della Nave il torneo dell'associazione dei club


MARTELLAGO - È con simpatia, che sabato 30 settembre il Golf Club Cà della Nave ha accolto l’Associazione Campi Pratica per una gara stableford a tre categorie, settima degli otto incontri della serie TROFEO, che a turno ogni Circolo appartenente all’associazione,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/188: TUTTO PRONTO PER L'OPEN D'ITALIA 2017

Al Parco di Monza il torneo del massimo circuito europeo


TREVISO - Il 74° Open d’Italia sta per andare in scena; è il principale evento sportivo nazionale legato alla Ryder Cup 2022, la sfida fra Europa e Stati Uniti, in programma fra cinque anni al Marco Simone Golf & Country Club. È il primo Open d’Italia con un...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/187: IN FRIULI IL CAMPIONATO ITALIANO AIGG

Assegnati i tricolori 2017 dei giornalisti


TREVISO - Chiuso con l’ultima gara di Villa d’Este il Challenge Aigg Diavolina 2017 che mi aveva visto con un bel piatto d’argento, è ora la volta del Campionato individuale, che si gioca a Fagagna, al Circolo Golf Udine. Nelle giornate precedenti il Club aveva ospitato il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

I carabinieri scoprono cinque squillo nell'appartamento di Bortolon e compagna

GIRO DI LUCCIOLE NELLA CASA DEI RAPINATORI DELLA GIOIELLERIA

Nuova accusa per la coppia: favoreggiamento della prostituzione


CASTELFRANCO VENETO – (gp) Un giro di squillo nell'appartamento di Fernando Bortolon e della compagna 21enne, i due rapinatori della gioielleria Zocco di piazza Giorgione a Castelfranco Veneto. La coppia, dopo un'indagine condotta dai carabinieri di Cittadella, è stata infatti denunciata anche per favoreggiamento della prostituzione. Un nuova accusa che si aggiunge al fasciolo già aperto in Procura a Treviso per il colpo dell'8 agosto scorso, che aveva fruttato 40 mila euro ai due fidanzati e che li aveva fatti finire uno in carcere, l'altra con l'obbligo di dimora nel comune di San Martino di Lupari. E proprio in quella casa ai confini tra le province di Treviso e Padova i carabinieri avrebbero accertato il giro di prostituzione. Stando alle indagini nell'abitazione presa in affitto cinque mesi fa dalla coppia in vicolo Monte Rosa ci sarebbero state due stanze, poste poi sotto sequestro, che venivano adibite a casa d'appuntamenti in cui si prostituivano cinque ragazze ungheresi e albanesi di età compresa tra i 19 e i 30 anni. Al momento del blitz, oltre a una lucciola in compagnia di un cliente, nella casa c'era anche la compagna 21enne di Fernando Bortolon.