Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Nessun responsabile per la morte di Marco Parolin, imprenditore edile di 43 anni

CADE DALLE SCALE DEL MUNICIPIO: LA PROCURA ARCHIVIA IL CASO

La tragedia a Borso del Grappa: un tragico e imprevedibile incidente


BORSO DEL GRAPPA – (gp) Un tragico incidente senza nessun responsabile. La magistratura trevigiana ha archiviato il fascicolo aperto sulla morte di Marco Parolin, l'imprenditore edile di 43 anni deceduto dopo quasi tre giorni di agonia (il 4 giugno scorso) per essere precipitato da un'altezza di quasi sei metri mentre si trovava sulle scale del municipio di Borso del Grappa sabato primo giugno. Gli accertamenti disposti dal sostituto procuratore Francesca Torri, che si sono aggiunti alle informazioni raccolte al termine del sopralluogo effettuato nel municipio di Borso del Grappa, hanno escluso una per una tutte le ipotesi investigative, giungendo alla conclusione che quella di un incidente era l'unica possibile. Inizialmente, non essendoci stati testimoni, i punti da chiarire erano diversi, a partire dalla dinamica della tragedia. Il pm non aveva iscritto nessuno nel registro degli indagati né erano state formulate ipotesi di reato. Ad oggi dunque la vicenda si è chiusa con un'archiviazione del caso. Marco Parolin, quel sabato sera, aveva appena assistito al saggio musicale della figlia e mentre stava uscendo dalla sala consiliare è caduto dalla scala a chiocciola precipitando al suolo. L'uomo venne subito soccorso e trasportato d'urgenza all'ospedale di Vicenza ma le sue condizioni di salute, apparse subito disperate, nonostante i tentativi dei medici di salvargli la vita avevano portato al decesso dell'imprenditore edile.