Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/231: A BIELLA IL CAMPIONATO DEI GIOVANI TALENTI DEDICATO A TEODORO SOLDATI

Lucas Fallotico vince il 12° Reply International under 16


BIELLA - A ospitare la gara è il Golf Club “Le Betulle”, campo realizzato alla fine degli anni 50 sulla collina morenica della Serra, la più lunga d’Europa, un ambiente ideale per il golf. Situato a un’altitudine di 590 metri slm, Il Campo, è un...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/230: ANDREA PAVAN VINCE IL REAL CZECH MASTERS

Primo successo sull'European Tour del romano


PRAGA - È il primo successo sull’European Tour di Andrea Pavan, che già si era imposto in quattro occasioni sul Challenge Tour. Il 29enne romano ha vinto, 22 colpi sotto il par del campo, il Real Czech Masters sul percorso Albatross Golf Resort (par 72), di Praga, montepremi un...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/229: ANCHE IL GOLF A SQUADRE AGLI EUROPEI IN SCOZIA

Il team italiano medaglia di bronzo nella foursome


AUTCHTERARDER (SCOZIA) – L’innovativa competizione ha visto gareggiare insieme uomini e donne, sul percorso del Gleneagles PGA Centenary, Il torneo si è giocato nell’ambito dell’European Championship 2018, la grande novità in ambito sportivo, che dopo gli...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

A processo per violenza sessuale aggravata un impiegato trevigiano di 43 anni

LUCCIOLA LO ACCUSA DI STUPRO, LUI SI DIFENDE: "E' TUTTO FALSO"

La presunta vittima è una romena di 19 anni, abbordata in Pontebbana


TREVISO - (gp) Accusato di stupro da una lucciola romena di appena 19 anni. Lui però si difende, sostenendo che la giovane si sarebbe inventata tutto. Per questo un impiegato trevigiano 43enne ha deciso di affrontare il processo per violenza sessuale aggravata per proclamare la propria innocenza. A metà settembre, difeso dall'avvocato Alessandra Nava, comparirà di fronte ai giudici del tribunale di Treviso. Stando alle accuse l'uomo, il 17 aprile 2012 lungo la Pontebbana, avrebbe contrattato una prestazione sessuale con la prostituta e si sarebbe poi appartato con lei in una zona isolata. All'interno della vettura si sarebbe consumata la violenza: la lucciola avrebbe preteso i 30 euro pattuiti in anticipo ma il 43enne, non tirando fuori un euro, l'avrebbe presa per il collo e avrebbe iniziato ad abusare di lei. Soltanto la resistenza della donna e la minaccia di chiamare i carabinieri avrebbero fatto desistere il 43enne. Ma la versione dell'uomo è completamente diversa: mentre stava facendo il pieno alla sua auto in un distributore, la ragazza sarebbe salita in auto non volendo più scendere. A quel punto l'avrebbe portata fuori dal mezzo prendendola per un braccio e se ne sarebbe andato. Lei avrebbe preso il numero di targa raccontando, secondo quanto sostiene l'uomo, di essere stata violentata per vendicarsi di quel rifiuto.