Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/179: THE OPEN

Il trionfo di Jordan Spieth che vice il terzo major stagionale


GRAN BRETAGNA - The Open Championship o semplicemente The Open, è il British Open, che così vien chiamato solo fuori del Regno Unito. È la competizione golfistica tra le più importanti, la più longeva, ha storia di tre secoli. È l’unico dei quattro...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

La sua ex compagna lo accusa di essere tornato a San Pietro di Feletto

COSTRETTO A VIVERE IN UNA TENDA: LO STALKER RISPEDITO IN CARCERE

Il 29enne avrebbe violato il divieto di avvicinamento alla vittima


SAN PIETRO DI FELETTO - (gp) Aveva reso pubblico il fatto di essere stato “sfrattato” venendo costretto a vivere in una tenda dal 30 giugno scorso. Uno sfogo, con il quale chiedeva di poter tornare nella sua casa di San Pietro di Feletto, che non si è trasformato in un'autodenuncia per aver violato il provvedimento del giudice, che dopo due mesi e dieci giorni di detenzione lo aveva scarcerato disponendo per lui l'obbligo di dimora nel comune di Godega Sant'Urbano. Ma per il 29enne condannato a due anni e sei mesi di reclusione per stalking per aver perseguitato, stando alla denuncia, la sua vicina di casa nonché sua ex compagna, le porte del carcere si sono aperte lo stesso. Il motivo? L'impiegata 43enne, di ritorno dalle ferie, avrebbe visto più volte il ragazzo aggirarsi per San Pietro di Feletto, violando dunque il divieto di avvicinamento alla vittima e ai luoghi da lei frequentati. La donna, che praticamente non vedeva più il suo ex dalla fine di febbraio (quando cioè venne arrestato), avrebbe nuovamente temuto per la sua incolumità e sarebbe quindi andata dai carabinieri per informarli del fatto. Di conseguenza il giudice, messo a conoscenza di quanto accaduto, ha deciso di aggravare la misura di custodia cautelare nei confronti del 29enne. È stato infatti portato in caserma dai carabinieri che gli hanno notificato l'ordinanza, e poi è stato trasferito nel carcere di Santa Bona. Difeso dall'avvocato Alessandra Nava, verrà sentito dagli inquirenti nei prossimi giorni per dare la propria versione dei fatti.