Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/248: PADRAIG HARRINGTON CAPITANO DELL'EUROPA IN RYDER CUP

Nel 2020 l'irlandese guiderà il team continentale nella sfida agli Usa


ROMA - Sarà l’irlandese Padraig Harrington, a svolgere la missione di Capitano europeo alla Ryder Cup 2020, prossimo appuntamento americano fra Europa e Stati Uniti. Harrington è stato scelto da un Comitato composto dagli ultimi tre capitani del massimo circuito europeo: Paul...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/247: I CAMPIONI DEL PGA INIZIANO L'ANNO ALLE HAWAII

L'outsider Schauffele trionfa nel torneo riservato ai 37 vincitori del circuito


MAUI - Al Plantation Course di Kapalua, è andato in scena l’evento riservato alla crema del PGA, cioè ai 37 che hanno vinto un torneo nel circuito della passata stagione. Il Sentry Tournament of Champions ha luogo sempre durante la prima settimana di gennaio, sempre nel medesimo...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/19: IL MOLINETTO GOLF & COUNTRY CLUB

Dai Celti agli Sforza, a Cernusco sul Naviglio si gioca tra la storia d'Italia


CERNUSCO SUL NAVIGLIO - Quello che colpisce maggiormente arrivando al Golf Molinetto, è di trovarsi all’improvviso in una realtà che si stacca completamente da tutto ciò che la circonda: il territorio tipico della Lombardia produttiva, dove la gente è soprattutto...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

La sua ex compagna lo accusa di essere tornato a San Pietro di Feletto

COSTRETTO A VIVERE IN UNA TENDA: LO STALKER RISPEDITO IN CARCERE

Il 29enne avrebbe violato il divieto di avvicinamento alla vittima


SAN PIETRO DI FELETTO - (gp) Aveva reso pubblico il fatto di essere stato “sfrattato” venendo costretto a vivere in una tenda dal 30 giugno scorso. Uno sfogo, con il quale chiedeva di poter tornare nella sua casa di San Pietro di Feletto, che non si è trasformato in un'autodenuncia per aver violato il provvedimento del giudice, che dopo due mesi e dieci giorni di detenzione lo aveva scarcerato disponendo per lui l'obbligo di dimora nel comune di Godega Sant'Urbano. Ma per il 29enne condannato a due anni e sei mesi di reclusione per stalking per aver perseguitato, stando alla denuncia, la sua vicina di casa nonché sua ex compagna, le porte del carcere si sono aperte lo stesso. Il motivo? L'impiegata 43enne, di ritorno dalle ferie, avrebbe visto più volte il ragazzo aggirarsi per San Pietro di Feletto, violando dunque il divieto di avvicinamento alla vittima e ai luoghi da lei frequentati. La donna, che praticamente non vedeva più il suo ex dalla fine di febbraio (quando cioè venne arrestato), avrebbe nuovamente temuto per la sua incolumità e sarebbe quindi andata dai carabinieri per informarli del fatto. Di conseguenza il giudice, messo a conoscenza di quanto accaduto, ha deciso di aggravare la misura di custodia cautelare nei confronti del 29enne. È stato infatti portato in caserma dai carabinieri che gli hanno notificato l'ordinanza, e poi è stato trasferito nel carcere di Santa Bona. Difeso dall'avvocato Alessandra Nava, verrà sentito dagli inquirenti nei prossimi giorni per dare la propria versione dei fatti.