Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/227: JUSTIN THOMAS SENZA RIVALI AL BRIDGESTONE INVITATIONAL

Il terzo evento del circuito World Golf Championship


AKRON (USA) - È Francesco Molinari a godere il favore degli spettatori. Lo divide con il leader mondiale Dustin Johnson, che di WGC ne ha già conquistati cinque. Anche Tiger Woods, riemerso grazie alla bella prestazione nell’Open Championship, è atteso con...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/226: UN BEL COMPLEANNO FESTEGGIATO SUL FAIRWAY

Torneo e party in onore di Luigino Conti, patron di Ca' della Nave


MARTELLAGO - Una Louisiana a due, per festeggiare il genetliaco di Luigino Conti, direttore del Club Cà della Nave, persona che sa farsi benvolere.Luigino, che ormai da tre anni ha assunto la dirigenza del Circolo trovando nel suo cammino un mare di difficoltà, è riuscito a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/225: CON L'ACI SI GIOCA NEL BOSCO DELLA SERENISSIMA

Al Golf Cansiglio il torneo promosso dall'Automobile Club


TAMBRE D'ALPAGO - L’Automobile Club d’Italia ha cura dei propri soci: al di là del suo compito d’istituto su tutto quanto è attinente all’automobile, mette a loro disposizione un Campionato italiano di Golf, che gira da aprile ad agosto, su 28 tra i...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 
ASCOLTA IL SERVIZIO ON-LINEAscolta la notizia

ASCOLTA AUDIO Il delitto di Latina forse dovuto a contrasti sul lavoro

UCCISO A PISTOLETTATE E BRUCIATO IN AUTO: MORTO ENOLOGO 57ENNE

Ulrico Cappia, coneglianese, aveva lasciato la Marca nel 2000


LATINA - Ucciso con due colpi di pistola e poi bruciato nella sua auto, una Fiat 500. E' un vero e proprio giallo l'omicidio del 57enne Ulrico Cappia, enologo coneglianese. Il delitto è avvenuto nelle campagne di Latina, a Itri, nella notte di martedì: Cappia si era trasferito a Roma da Conegliano nel 2000 e lavorava da qualche anno per un'azienda vinicola della zona. I carabinieri che indagano sul delitto sono convinti che il killer sia entrato in contatto con la vittima per motivi professionali. Grande la commozione anche nella Marca dove vivono ancora oggi i famigliari del 57enne: Cappia era molto conosciuto per aver lavorato per alcune delle più note aziende vitivinicole della sinistra Piave. La testimonianza dell'amico e consigliere comunale a Conegliano, Gianni Grassi.