Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/231: A BIELLA IL CAMPIONATO DEI GIOVANI TALENTI DEDICATO A TEODORO SOLDATI

Lucas Fallotico vince il 12° Reply International under 16


BIELLA - A ospitare la gara è il Golf Club “Le Betulle”, campo realizzato alla fine degli anni 50 sulla collina morenica della Serra, la più lunga d’Europa, un ambiente ideale per il golf. Situato a un’altitudine di 590 metri slm, Il Campo, è un...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/230: ANDREA PAVAN VINCE IL REAL CZECH MASTERS

Primo successo sull'European Tour del romano


PRAGA - È il primo successo sull’European Tour di Andrea Pavan, che già si era imposto in quattro occasioni sul Challenge Tour. Il 29enne romano ha vinto, 22 colpi sotto il par del campo, il Real Czech Masters sul percorso Albatross Golf Resort (par 72), di Praga, montepremi un...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/229: ANCHE IL GOLF A SQUADRE AGLI EUROPEI IN SCOZIA

Il team italiano medaglia di bronzo nella foursome


AUTCHTERARDER (SCOZIA) – L’innovativa competizione ha visto gareggiare insieme uomini e donne, sul percorso del Gleneagles PGA Centenary, Il torneo si è giocato nell’ambito dell’European Championship 2018, la grande novità in ambito sportivo, che dopo gli...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 
ASCOLTA IL SERVIZIO ON-LINEAscolta la notizia

ASCOLTA AUDIO: Domenica il blitz all'ex Telecom, da mercoledì il Gram Festival

ZTL LANCIA L'AUT AUT AL COMUNE: "OCCUPAZIONE FORZATURA DOVUTA"

Il precedente di gennaio: 25 giovani del Collettivo a processo


TREVISO - Dopo aver occupato nuovamente l'ex Telecom di via Dandolo, i giovani del Collettivo Ztl, stanno in queste ore lavorando perché sia tutto pronto in vista del Gram Festival che dovrebbe svolgersi all'interno della struttura da mercoledì prossimo. Concerti di musica indipendente, dibattiti, eventi culturali di vario genere animerannno il quartiere fino a domenica prossima. Rotte a suon di martellate le murature che erano state sistemate a cancello principale, porte e finestre, dopo lo sgombero del gennaio scorso, una decina di attivisti sta ripulendo per ricavare dai due edifici dell'ex Telecom una ampia sala in cui si svolgeranno i concerti ed una sorta di libreria-osteria dove gli avventori del Festival potranno mangiare. Il blitz di domenica ha completamente sorpreso l'amministrazione comunale che non pensava certo di dover di nuovo fare i conti con le richieste di spazi degli Ztl. “Si è scelta questa via attraverso un'assemblea, questa è una forzatura dovuta all'impellenza del bisogno”: questo quanto dicono i membri del Collettivo. Non è un attacco diretto al sindaco Giovanni Manildo ma la nuova occupazione ha l'aria di un vero e proprio aut aut. Intanto i residenti del quartiere, informati dell'occupazione con un volantino, hanno guardato con simpatia al blitz: c'è chi ha dato una mano ai giovani e solidarizzato con loro di fronte ad un bicchiere di vino e giocando a carte.

A PROCESSO IN 25 PER L'OCCUPAZIONE DELL'EX TELECOM DELLO SCORSO GENNAIO:

TREVISO – (gp) Lasciando da parte l'ipotesi, tutt'altro che remota, che il “GRAM Festival” organizzato dai ragazzi del Collettivo Ztl non si terrà in quanto l'area dell'ex Telecom potrebbe essere fatta sgomberare prima di mercoledì, di certo c'è che la Procura di Treviso procederà d'ufficio a livello penale per questa nuova occupazione. La magistratura è stata infatti già informata di questa nuova iniziativa targata Ztl Wake Up e per legge, visto che è stata compiuta da più di cinque persone, l'esercizio dell'azione penale scatta anche in assenza di querela da parte dei proprietari dell'area. L'accusa, per tutti, sarebbe invasione di terreni ed edifici, alla quale però si potrebbe aggiungere quella dei danneggiamenti per aver abbattuto i muri d'ingresso all'area esterna e allo stabile, eretti a gennaio in seguito allo sgombero disposto dopo la precedente occupazione. E proprio per quel fatto, 25 ragazzi del Collettivo Ztl andranno a processo. Il pm Gabriella Cama aveva infatti firmato un decreto penale di condanna da 300 euro per ognuno dei 25 ragazzi indagati (un totale di 7.500 euro di multa). Tutti però, difesi dagli avvocati Giuseppe Romano e Pretty Gorza, hanno presentato a fine luglio opposizione al decreto penale decidendo di andare di fronte a un giudice. La data del processo non è ancora stata fissata.

 


Galleria fotograficaGalleria fotografica