Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/186: CONCLUSO IL CHALLENGE 2017 DEI GIORNALISTI GOLFISTI

Le ultime due tappe in Lombardia, all'Albenza e Villa d'Este


TREVISO - Due belle giornate, 4 e 5 settembre, in due campi super, hanno contraddistinto la conclusione del viaggio in Italia dei giornalisti golfisti: il challenge di dodici memorabili tappe, che ci han permesso di giocare su altrettanti campi, riconosciuti tra i più belli d’Italia....continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/185: I CAMPIONI DI DOMANI DI SCENA AL "TEODORO SOLDATI"

Il sudafricano Vorster trionfa all'International Under 16 Championship


BIELLA - Gara di rilievo l’International Under 16 Championship. Questo Campionato Internazionale disputato per la prima volta nel 2007 (andato in dote a Rory McIlroy), fa parte del calendario EGA, ed è la manifestazione più sentita del panorama golfistico europeo a livello...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/184: IL GOLF CONQUISTA L'ITALIA CON LA RYDER CUP

Eventi promozionali dal Monte Bianco alla Sicilia


TREVISO - Nell’accettare l’agognata assegnazione al nostro Paese della Ryder Cup 2022, la Federazione Italiana Golf si è dovuta seriamente impegnare per lo sviluppo di questa disciplina sportiva, e per un arco temporale che va dal 2016 al 2027. Sono previsti circa 105 tornei di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Il 50enne di Vazzola raggiungerà la famiglia a Napoli, in carcere vicino a Scampia

GEREMIA TORNA A CASA: CHIESTO IL TRASFERIMENTO A SECONDIGLIANO

Dopo l'ergastolo, ora è sotto accusa il figlio per falsa testimonianza


TREVISO – (gp) La necessità della sua permanenza a Treviso è finita. Per questo Gennaro Geremia, il 50enne di Visnà di Vazzola condannato all'ergastolo per omicidio volontario premeditato dalla Corte d'Assise d'appello di Venzia per l'omicidio di Eliseo David (il pensionato di 72 anni narcotizzato e ucciso nella sua casa di via della Acacie a Campolongo di Conegliano la notte tra il 15 e il 16 settembre 2010), ha chiesto di tornare a Scampia. Il trasferimento nel carcere di Secondigliano, a due passi dalle famose “Vele” descritte in Gomorra da Roberto Saviano, dovrà essere vagliato dal magistrato di sorveglianza ma si tratterebbe soltanto di una formalità. Gennaro Geremia tornerà dunque nella “sua” Napoli per scontare la pena, ancora non definitiva, per avere più vicino la sua famiglia che già da tempo aveva lasciato Treviso per trasferirsi in Campania. Ma i guai giudiziari a Treviso in realtà non sono finiti. Nel mirino della Procura trevigiana rimane il figlio di Gennaro Geremia, Alessandro detto “il Grande”. Sul ventenne infatti il pm Barbara Sabattini sta per chiudere il fascicolo per l'accusa di falsa testimonianza dopo che il giovane, chiamato sul banco dei testimoni nel corso del processo di primo grado, aveva tentato di fornire un alibi falso al padre per salvarlo dalla condanna. Sotto la lente degli inquirenti ci sarebbero le dichiarazioni secondo cui il giovane avrebbe visto il padre la sera dell'omicidio, circostanza smentita in aula, così come il fatto che a supporto di questa ipotesi il giovane avrebbe sostenuto di aver sentito suonare le campane del paese a mezzanotte. Anche in questo caso le sue parole vennero smentite dal parroco di Visnà di Vazzola il quale aveva dichiarato che da mesi le campane non suonavano più di notte, quindi è risultato impossibile che Alessandro le potesse aver sentite.