Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/186: CONCLUSO IL CHALLENGE 2017 DEI GIORNALISTI GOLFISTI

Le ultime due tappe in Lombardia, all'Albenza e Villa d'Este


TREVISO - Due belle giornate, 4 e 5 settembre, in due campi super, hanno contraddistinto la conclusione del viaggio in Italia dei giornalisti golfisti: il challenge di dodici memorabili tappe, che ci han permesso di giocare su altrettanti campi, riconosciuti tra i più belli d’Italia....continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/185: I CAMPIONI DI DOMANI DI SCENA AL "TEODORO SOLDATI"

Il sudafricano Vorster trionfa all'International Under 16 Championship


BIELLA - Gara di rilievo l’International Under 16 Championship. Questo Campionato Internazionale disputato per la prima volta nel 2007 (andato in dote a Rory McIlroy), fa parte del calendario EGA, ed è la manifestazione più sentita del panorama golfistico europeo a livello...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/184: IL GOLF CONQUISTA L'ITALIA CON LA RYDER CUP

Eventi promozionali dal Monte Bianco alla Sicilia


TREVISO - Nell’accettare l’agognata assegnazione al nostro Paese della Ryder Cup 2022, la Federazione Italiana Golf si è dovuta seriamente impegnare per lo sviluppo di questa disciplina sportiva, e per un arco temporale che va dal 2016 al 2027. Sono previsti circa 105 tornei di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 
ASCOLTA IL SERVIZIO ON-LINEAscolta la notizia

ASCOLTA AUDIO "Amministrazione compatta sul rispetto della legalitą"

"AFFERMAZIONI IRRESPONSABILI" MANILDO REPLICA A GENTILINI

Il Comune ha consigliato ai ragazzi di Ztl di cessare l'occupazione


TREVISO - “Affermazioni irresponsabili”. Così il sindaco Giovanni Manildo replica alle accuse mossegli dal predecessore, Giancarlo Gentilini. Lo Sceriffo, riguardo all'occupazione Ztl, aveva sostenuto che Manildo e la sua amministrazione “stanno pagando il pizzo” per l'appoggio ottenuto da Ztl in campagna elettorale. Il primo cittadino assicura che, da un punto di vista personale, le affermazioni “sono talmente ridicole da non ritenerle nemmeno offensive, mi sono fatto una risata”. D'altro canto, però, Manildo ribadisce come un amministratore pubblico, quale Gentilini, debba comunque prestare attenzione sull'effetto che certe sue espressioni, per forma e contenuto, potrebbero suscitare nell'opinione pubblica.

Il sindaco spiega come non ci siano divisioni nell'amministrazione e nella maggioranza sul considerare l'occupazione illegale. Ai ragazzi del collettivo, rivela Manildo, è stato più volte consigliato di lasciare lo stabile di via Dandolo e porre fine alla permanenza abusiva. Il primo cittadino rimarca come la giunta sia impegnata a cercare una soluzione pacifica, ma come questa non possa che passare attraverso la costituzione di Ztl in associazione e la presentazione di un progetto per concorrere al bando di assegnazione degli spazi pubblici. “La palla è in mano loro”, nota Manildo. Che rivela anche come il privato proprietario dello stabile (un fondo immobiliare), contattato dal Comune, abbia escluso la possibilità di consentire la permanenza all'interno dei giovani. Cosa, precisa il sindaco, impossibile per legge: in caso di qualsivoglia infortunio, la responsabilità civile ricadrebbe comunque sui proprietari. Impensabile pure che il Comune acqusiti l'edificio. Gli incontri avvenuti finora tra gli esponenti del collettivo e i "mediatori" del Comune  vengono definiti "interlocutori". Da Ca' Sugana confermano anche che dagli attivisti non è giunta nessuna richiesta di disponibilità di altri spazi dove svolgere il festival programmato all'ex Telecom: "Questa poteva essere una domanda intelligente da fare, ma prima di occupare", nota il vicesindaco Roberto Grigoletto.