Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/179: THE OPEN

Il trionfo di Jordan Spieth che vice il terzo major stagionale


GRAN BRETAGNA - The Open Championship o semplicemente The Open, è il British Open, che così vien chiamato solo fuori del Regno Unito. È la competizione golfistica tra le più importanti, la più longeva, ha storia di tre secoli. È l’unico dei quattro...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 
ASCOLTA IL SERVIZIO ON-LINEAscolta la notizia

ASCOLTA AUDIO Il viceprefetto: "L'atto illegale è di per sè un ultimatum"

EX TELECOM VERSO LO SGOMBERO

Summit in Prefettura: si prosegue con la linea della "soluzione pacifica"


TREVISO - Per ora l'ex Telecom, occupata dagli attivisti di Ztl, non verrà sgomberata ma è solo questione di giorni. E' l'indicazione, sia pure non ufficiale, che emerge dal vertice di questa mattina in Prefettura. Al comitato provinciale per la sicurezza e l'ordine pubblico, convocato appositamente sul tema, hanno partecipato tra gli altri, il viceprefetto vicario Pietro Signoriello, il questore Tomaso Cacciapaglia, il nuovo comandante provinciale dei Carabinieri Ruggiero Capodivento, quello della Guardia di Finanza Giuseppe De Maio, oltre al sindaco di Treviso Giovanni Manildo e all'assessore provinciale Mirco Lorenzon. La linea adottata dall'organismo è quella di continuare, almeno per il momento, a cercare una soluzione pacifica per la presenza abusiva dei giovani del collettivo negli edifici di via Dandolo, raccogliendo anche l'invito dell'amministrazione comunale. Un eventuale sgombero forzoso, insomma, se ci sarà, non pare sarà attuato prima della prossima settimana.

Lo stesso viceprefetto Signoriello ha confermato come lo sgombero non costituisca l'esito pacifico della vicenda da tutti auspicata, ma, d'altra parte, ha ribadito che non è possibile tollerare troppo a lungo la permanenza non autorizzata in una proprietà privata. “I ragazzi di Ztl si sono dati da soli un ultimatum – ha sottolineato il rappresentante del governo -, quando si sono posti nell'illegalità”.

Le forze dell'ordine, in ogni caso, attendono anche i riscontri della Procura, nell'ambito dell'inchiesta avviata in merito alla precedente occupazione di inizio anno. L'amministrazione comunale, dal canto suo, continua a lavorare sulla proposta di una fondazione, battezzata “Spazio aperto”, per gestire un luogo di aggregazione per i vari gruppi e associazioni cittadini. Una proposta già avanzata anche agli stessi attivisti di Ztl, ma che implica la necessità di costituirsi in associazione e presentare un progetto per partecipare al relativo bando. Richiesta a cui finora il collettivo non ha dato seguito.

Questa sera, intanto, dalle 21, all'ex Telecom è in programma un'assemblea pubblica. All'incontro hanno annunciato di voler partecipare anche esponenti del movimento di destra Forza Nuova.

Conte: i cittadini onesti si stanno scocciando. “Nonostante la situazione delle periferie, sempre più in stato di abbandono, l’Amministrazione comunale resta paralizzata nell’inutile dialogo con ZTL, un gruppo di giovani che vive nell’illegalità. Vedere un sindaco che dà ascolto a chi dovrebbe solo essere riportato nei binari della legge, è sconfortante… Lo penso io ma soprattutto lo pensano i cittadini onesti, verso cui Manildo ha evidentemente perso ogni interesse”. Lo afferma il consigliere comunale Mario Conte (Lista Gentilini) dopo la notizia dell’ennesima dilazione operata dal Comune nella soluzione dell’occupazione dell’ex Telecom in via Dandolo. “Ciò che sta combinando la Giunta Manildo è sotto gli occhi di tutti, per fortuna – prosegue Conte -. Dal fiancheggiamento a questi occupanti, al limite di 30 km/h in centro, alle targhe alterne inutili. Priorità assurde, che non portano alcun beneficio alla comunità. Di contro, alle esigenze delle periferie il sindaco non risponde, preferendo trattare con chi rasenta l’illegalità o addirittura si spinge oltre i limiti consentiti dalla legge. Manildo dia subito atto allo sgombero dell’ex Telecom, per poi concentrarsi sull’amministrazione seria della città. I cittadini onesti si stanno scocciando”.