Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/179: THE OPEN

Il trionfo di Jordan Spieth che vice il terzo major stagionale


GRAN BRETAGNA - The Open Championship o semplicemente The Open, è il British Open, che così vien chiamato solo fuori del Regno Unito. È la competizione golfistica tra le più importanti, la più longeva, ha storia di tre secoli. È l’unico dei quattro...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 
ASCOLTA IL SERVIZIO ON-LINEAscolta la notizia

ASCOLTA AUDIO: La riorganizzazione secondo Giovanni Tonella e Franco Zanata

IL PD SPINGE PER FUSIONI E UNIONI DEI COMUNI: "SONO NECESSARIE"

Il segr. provinciale del Pd Grigoletto: "Razionalizzare la spesa pubblica"


TREVISO - “La spesa pubblica deve essere razionalizzata: è un imperativo a cui nessuna forza politica può sfuggire, come è altrettanto necessario avviare un processo di modernizzazione della pubblica amministrazione. Di questo processo fa parte la riorganizzazione degli enti locali, attraverso forme di fusione, di unione e di convenzione”. E’ questo il commento del Segretario Provinciale del Pd Roberto Grigoletto che guarda con favore alla messa in comune delle funzioni per le amministrazioni al di sotto dei 5.000 abitanti. “E’ ormai evidente, anche a partire dell’opinione pubblica, la necessità di mettere in atto le riforme in questo ambito. Gli obiettivi del piano di riordino territoriale proposto dalla Regione, sebbene non con incentivi sufficienti e senza un occhio di riguardo alle fusioni, sono condivisibili”, prosegue Grigoletto. Il PD provinciale trevigiano intende dare il suo contributo e quindi un indirizzo generale a favore di questo processo di riordino e riorganizzazione, dando priorità alle forme di fusione. "D’altro canto la stessa proposta del PD regionale di diminuire il quorum del referendum per istituire un nuovo comune va nella direzione di favorire le fusioni, più di quanto la normativa e l’azione della regione abbia fatto finora - dichiara il vicesegretario provinciale del Pd Giovanni Tonella -. Già altre regioni, come l’Emilia Romagna, stanno andando nella direzione, successiva alla promozione delle unioni dei comuni, di favorire la nascita di più fusioni. Dando questo indirizzo non si sottovaluta il rischio di perdita di rappresentanza politica e di identità territoriale: per questo è importante comunque non trascurare il tema della democrazia locale nelle forme di riorganizzazione e aumento di scala degli enti locali”. Secondo il vicesegretario ciò si potrebbe fare non solo ponendo a tema la necessità di invertire in termini ragionevoli l’indirizzo di riduzione del numero dei consiglieri e degli amministratori, ma soprattutto favorendo una gestione politica che apra alle nuove forme d’inclusione e ascolto della cittadinanza. “D’altro canto già oggi nei comuni vivono le identità di frazione e quartiere: nuovi confini amministrativi non per questo andrebbero a stravolgere o negarle", sottolinea Franco Zanata, capogruppo del PD in consiglio provinciale. "Nel Veneto si stanno realizzando numerose unioni di comuni, ventisei con in atto processi di nuove istituzioni, mentre avanzano anche le fusioni come nel caso del bellunese, del rodigino, del padovano e del veronese. Riteniamo utile e positivo che ciò accada anche in provincia di Treviso”, chiude il segretario Grigoletto.