Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/227: JUSTIN THOMAS SENZA RIVALI AL BRIDGESTONE INVITATIONAL

Il terzo evento del circuito World Golf Championship


AKRON (USA) - È Francesco Molinari a godere il favore degli spettatori. Lo divide con il leader mondiale Dustin Johnson, che di WGC ne ha già conquistati cinque. Anche Tiger Woods, riemerso grazie alla bella prestazione nell’Open Championship, è atteso con...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/226: UN BEL COMPLEANNO FESTEGGIATO SUL FAIRWAY

Torneo e party in onore di Luigino Conti, patron di Ca' della Nave


MARTELLAGO - Una Louisiana a due, per festeggiare il genetliaco di Luigino Conti, direttore del Club Cà della Nave, persona che sa farsi benvolere.Luigino, che ormai da tre anni ha assunto la dirigenza del Circolo trovando nel suo cammino un mare di difficoltà, è riuscito a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/225: CON L'ACI SI GIOCA NEL BOSCO DELLA SERENISSIMA

Al Golf Cansiglio il torneo promosso dall'Automobile Club


TAMBRE D'ALPAGO - L’Automobile Club d’Italia ha cura dei propri soci: al di là del suo compito d’istituto su tutto quanto è attinente all’automobile, mette a loro disposizione un Campionato italiano di Golf, che gira da aprile ad agosto, su 28 tra i...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Timori per i terzisti: l'azienda della Marca avanza 1,6 milioni

SIMONETTA RUBINATO SULL'ILVA: "RISCHIO EFFETTO VALANGA"

La deputata incontra un fornitore trevigiano del gruppo dell'acciaio


TREVISO - "Sulla vicenda Ilva va trovata con urgenza una soluzione politica che contemperi il risanamento ambientale con la tutela di un’industria, quella dell’acciaio, di grande importanza per il sistema produttivo del Paese, ma anche per tante piccole e medie imprese venete che forniscono materie prime alle società del Gruppo Riva finite sotto sequestro a seguito del provvedimento della magistratura". Lo auspica Simonetta Rubinato, parlamentare del Pd, in vista dell’incontro fissato domani tra il ministro Zanonato, la proprietà e le parti sociali.

La parlamentare veneta ha incontrato oggi il giovane titolare di un’impresa fornitrice con sede in provincia di Treviso, esposto per 1,6 milioni di euro, a cui il commercialista ha consigliato di fare domanda di concordato preventivo se entro un mese non sarà liquidato. "Se non si pone rimedio a questa situazione – osserva preoccupata Simonetta Rubinato – 20 persone tra dipendenti e piccoli artigiani rischiano di restare senza lavoro. Si moltiplichi questo effetto per tutto l’indotto dei fornitori di Riva Acciaio, spa controllata dall’holding Riva Forni Elettrici, che nulla c’entra con l’attività dell’Ilva ma la cui produzione è stata azzerata dal blocco della linea finanziaria, e le conseguenze rischiano di essere davvero drammatiche anche sul nostro territorio in un momento già difficile per la situazione economica e sociale, Insomma, un effetto valanga".

La deputata del Pd lancia un messaggio anche agli esponenti del suo partito: "Chi come Gianni Cuperlo parla di ‘ritorsione’ della famiglia Riva, non ha la più pallida idea di come funziona un’impresa nelle sue relazioni interne e soprattutto esterne. E’ evidente che un sequestro come questo colpisce e taglia la capacità produttiva e l’affidabilità delle aziende del Gruppo Riva Forni Elettrici in Italia. Se anche riprenderà la produzione degli impianti, quale fornitore si fiderà più nel rifornirli?".