Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/179: THE OPEN

Il trionfo di Jordan Spieth che vice il terzo major stagionale


GRAN BRETAGNA - The Open Championship o semplicemente The Open, è il British Open, che così vien chiamato solo fuori del Regno Unito. È la competizione golfistica tra le più importanti, la più longeva, ha storia di tre secoli. È l’unico dei quattro...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Treviso, la replica della Questura: "Il dispiego di risorse è stato adeguato"

RADUNO DI CASA POUND: COISP METTE SOTTO ACCUSA LA TASK FORCE

Duecento tra poliziotti, carabinieri e finanzieri mobilitati


TREVISO - Duecento uomini impiegati ogni giorno, tra poliziotti, carabinieri e finanzieri, per il raduno di Casa Pound Italia che si è svolto la scorsa settimana a Revine Lago. Il costo di questa task force, voluta dal Questore di Treviso, Tommaso Cacciapaglia, si aggirerebbe a circa 100mila euro. Per l'Home festival, svoltosi la settimana precedente, erano presenti sul posto solamente tre carabinieri e altrettanti poliziotti. A formulare questo atto d'accusa, numeri e cifre alla mano, è il segretario del sindacato di polizia Coisp di Treviso. A gettare acqua sul fuoco è stata la stessa Questura che ha emesso una nota per chiarire le motivazioni che hanno portato ad una mobilitazione così imponente. "In relazione al tipo di servizio e alle informazioni che avevamo -riferisce il Capo di Gabinetto, Alessandro Tolloso- il dispiego di mezzi e risorse è stato adeguato rispetto all'importanza dell'evento: si trattava del primo raduno nazionale di Casa Pound fuori Roma. Le cifre sui costi dei servizi non risultano essere quelle riportate dal Coisp".