Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/203: GARY WOODLAND È IL RE DEL PHOENIX OPEN

Vittoria allo spareggio, tra invasioni di campo e commoventi dediche


SCOTTSDALE (ARIZONA - USA) - dall’1 al 4 febbraio. È sul percorso del TPC, la sfida Waste Management Phoenix, l’Open supportato dalla Gestione dei Rifiuti, che, strano a dirsi, nell'economia dell'Arizona vale 389 milioni di dollari. Il montepremi è di 6.900.000 dollari,...continua

Cronaca
PILLOLE DI GOLF/202: AL FARMERS INSURANCE È IL GIORNO DI JASON DAY

Nel torneo al Torrey Pines si rivede anche il vero Tiger Woods


In California, nei due percorsi del Golf Torrey Pines, entrambi Par 72, si è giocato dal 25 al 28 gennaio, l’Open sostenuto dalla potente “Assicurazione Agricoltori” americana, con montepremi di 6.900.000 dollari, 1.200.000 dei quali, destinati al vincitore. Il Torrey...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/17: GARDAGOLF COUNTRY CLUB

Sulle colline attorno al lago si disputerà l'Open d'Italia


SOIANO DEL LAGO - È recente la notizia che l’Open d’Italia 2018 è stato assegnato a Gardagolf; andiamo ora a vedere dal vicino questo Club, la cui scelta è stata apprezzata dal gotha dirigenziale dell’European Tour.Di progetto squisitamente inglese (Cotton,...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Castelfranco, la titolare rischia ora una sanzione di oltre 26mila euro

BLITZ DELLA GDF: SEQUESTRATI 3MILA PRODOTTI PERICOLOSI

Ritirati accessori di bigiotteria e pesca, orologi e altro materiale


CASTELFRANCO - Oltre 3mila articoli di bigiotteria, accessori per capelli, portachiavi, articoli di ferramenta, per la pesca, per la telefonia mobile, orologi da polso di fabbricazione cinese: tutti prodotti senza nessuna indicazione in lingua italiana ed in vendita in un negozio di prodotti per la casa della Castellana. Il materiale è stato interamente sequestrato dalla Guardia di Finanza di Castelfranco: le fiamme gialle erano impegnate in un controllo. La titolare dell'esercizio commerciale, una donna cinese, rischia ora una sanzione amministrativa di oltre 26mila euro. I prodotti, considerati potenzialmente pericolosi, sono stati ritirati dal mercato in quanto non conformi agli standard di qualità dell’Unione Europea, dei necessari contenuti informativi per il consumatore e in alcuni casi, come detto, delle avvertenze sui rischi ed istruzioni in lingua italiana.