Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/216: LA CINA ╚ VICINA ANCHE SUL GREEN

A Pechino, lo svedese Bjork supera Otaegui


TREVISO - Ed ecco l’Open di questo Paese fino a ieri tanto lontano da noi, e che oggi, in quanto a Golf e non solo, si sta portando in pole position nel mondo.Il Volvo China Open, torneo dell’European Tour che si avvale dell’organizzazione dell’Asian Tour, si gioca al Topwin...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/215: ALLA MONTECCHIA VA IN SCENA IL BANCA GENERALI INVITATIONAL

Quarta tappa del circuito sponsorizzato dal gruppo bancario


SELVAZZANO DENTRO (PD) - In un ambiente speciale, la gara di golf 18 buche stableford, contrassegnata dall’esclusività e dal prestigio di “Banca Generali Private”. Era la quarta delle sette tappe del “Trofeo di golf area nord est” sponsorizzato da Banca...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/214: IL CHALLENGE AIGG RITORNA IN VENETO

Giornalisti golfisti impegnati a Frassanelle e al Colli Berici


PADOVA/VICENZA - Il Challenge dei Giornalisti Golfisti d’Italia 2018, dopo le giornate romane è arrivato in Veneto, nel padovano e nel vicentino. Abbiamo giocato in due particolarissimi Campi, ambientati in luoghi molto interessanti. Nella prima giornata abbiamo goduto della...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Sotto accusa per omicidio colposo il 63enne centrato dall'auto di Arianna Menegatti

CONTROMANO SUL PASSANTE: LA PROCURA FA SCATTARE L'INCHIESTA

La 37enne di Comacchio aveva percorso contromano 23 chilometri


PREGANZIOL – (gp) Dopo aver rischiato la vita in seguito allo scontro con la Fiat Panda rossa che viaggiava contromano lungo il Passante di Mestre, condotta dalla Arianna Menegatti, 37enne originaria di Ravenna ma residente a Comacchio deceduta sul colpo, il 63enne di Mansuè Tiziano Pasquali si ritrova iscritto nel registro degli indagati. L'ipotesi di reato è quella di omicidio colposo anche se, come sottolineato dalla Procura di Treviso che ha aperto un fascicolo sull'incidente, si tratta di un mero atto dovuto a stessa tutela dell'uomo. In altre parole una procedura necessaria per permettere il sequestro dei mezzi coinvolti nello schianto, per poter disporre gli accertamenti del caso e per chiarire l'esatta dinamica del sinistro e le eventuali responsabilità. Quelle a carico del 63enne sembrano in realtà nulle, visto che non avrebbe potuto in alcun modo evitare lo schianto, e pre questo la sua posizione, con ogni probabilità, si chiuderà con un'archiviazione. Di certo c'è che sul tavolo del pm verranno depositati, oltre ai risultati dei rilievi, anche i video che hanno immortalato gli ultimi istanti di vita della 37enne. La Panda era entrata in autostrada dal casello di Meolo-Roncade e aveva percorso, contromano, circa 23 km fino allo schianto mortale, al km 394+600 del Passante. Nel frattempo erano state decine le telefonate allarmate giunte ai centralini del 113 degli automobilisti che avevano incrociato la folle corsa della donna. Una testimonianza importante sarà proprio quella del diretto interessato, che una volta superato lo choc, verrà probabilmente ascoltato dagli inquirenti.

(Foto da La Nuova Venezia)