Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/240: A DONNAFUGATA IL CAMPIONATO INDIVIDUALE AIGG 2018

I giornalisti golfisti si sfidano in Sicilia


DONNAFUGATA - Il maltempo aveva imperversato fino il giorno prima, e continuava a devastare parte della Sicilia. Non eravamo in molti giornalisti praticanti di golf provenienti da mezza Italia, a prendere il coraggio e andar a sostenere il Campionato già da tempo programmato. Donnafugata, il...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/239: DAGLI USA LA NUOVA PROMESSA AZZURRA

Virginia Elena Carta vince il Landfall Traditional


La giovane italiana Virginia Elena Carta trionfa nel Landfall Traditional, prestigioso torneo del campionato universitario americano.  È il 30° successo azzurro in campo internazionale: nuovo record in una stagione. Conosco Virginia, son passati molti anni da quando ebbi...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/238: IL CAMPIONATO ITALIANO DI DOPPIO DELL'AIGG

Al club Chervò il torneo intitolato a Paolo Dal Fior


SIRMIONE - Concluso il Challenge AIGG che ci ha portato a giocare sui più bei Campi d’Italia, e insabbiata la Coppa delle Nazioni dall’esito meno brillante per la squadra dell’Italia (sesto posto), vinta dalla Germania a Villa Carolina, era ora la volta del Campionato...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Trevsio: nuova rassegna collaterale alla stagione del Del Monaco

UNA NUOVA PATREVE DEL TEATRO: SI PENSA ALLO STABILE VENETO

Gagliardi: "Perchè no? Ma prima devono muoversi i Comuni"


TREVISO - Una Patreve del teatro. Mentre si torna a rilanciare il progetto di area metropolitana, Treviso potrebbe rafforzare la collaborazione con Venezia e Padova anche nel campo teatrale o, addirittura, entrare a far parte dello Stabile del Veneto, di cui sono soci, oltre alla Regioni, anche gli altri due comuni. Un'ipotesi avanzata anche dall'ex presidente dell'organismo Luara Barbiani, prima di lasciare l'incarico. E che il presidente di Teatri spa, società della Fondazione Cassamarca che gestisce il Del Monaco, non scarta.

E pure l'assessore alla Cultura del Comune, Luciano Franchin, pur non nascondendosi le difficoltà del progetto, sottolinea come l'unione culturale potrebbe essere valido presupposto per quella politico- amministrativa.

Nell'attesa di eventuali sviluppi, teatro, Comune, Fondazione Benetton e conservatorio di Castelfranco Steffani intensificano la collaborazione, dando vita ad una rassegna collaterale alla stagione principale. “Oltre la scena” prevede, al di là degli incontri con gli artisti a palazzo Bombeen già da tempo praticati, guide all'ascolto e anteprime per le scuole sulle tre opere liriche in cartellone, dialoghi con alcuni protagonisti trevigiani della lirica sugli autori delle opere stesse (Verdi, Puccini e Rossini), oltre ad uno spettacolo multimediale con gli allievi del conservatorio e visite guidate al teatro. Una sinergia che l'assessore Franchin pone come modello per il futuro e che annovera “tra le cose di cui sono più fiero dei primi cento giorni del mio mandato”.

Quanto alla stagione del teatro, al via ufficiale lunedì prossimo con la Bohéme con i vincitori del concorso “Toti Dal Monte”, Gagliardi ribadisce gli sforzi per allestire il consueto cartellone di prosa, concerti, lirica e danza, pur in tempi di tagli ai bilanci e sottolinea come la campagna abbonamenti proceda a ritmo serrato: mentre molti altri teatri subiscono un calo, a Treviso, prevede il presidente, dovrebbero essere eguagliate o addirittura superate le tremila tessere dell'anno scorso.