Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/231: A BIELLA IL CAMPIONATO DEI GIOVANI TALENTI DEDICATO A TEODORO SOLDATI

Lucas Fallotico vince il 12° Reply International under 16


BIELLA - A ospitare la gara è il Golf Club “Le Betulle”, campo realizzato alla fine degli anni 50 sulla collina morenica della Serra, la più lunga d’Europa, un ambiente ideale per il golf. Situato a un’altitudine di 590 metri slm, Il Campo, è un...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/230: ANDREA PAVAN VINCE IL REAL CZECH MASTERS

Primo successo sull'European Tour del romano


PRAGA - È il primo successo sull’European Tour di Andrea Pavan, che già si era imposto in quattro occasioni sul Challenge Tour. Il 29enne romano ha vinto, 22 colpi sotto il par del campo, il Real Czech Masters sul percorso Albatross Golf Resort (par 72), di Praga, montepremi un...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/229: ANCHE IL GOLF A SQUADRE AGLI EUROPEI IN SCOZIA

Il team italiano medaglia di bronzo nella foursome


AUTCHTERARDER (SCOZIA) – L’innovativa competizione ha visto gareggiare insieme uomini e donne, sul percorso del Gleneagles PGA Centenary, Il torneo si è giocato nell’ambito dell’European Championship 2018, la grande novità in ambito sportivo, che dopo gli...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Paese, i carabinieri indagano nei confronti del piromane, sospetti su un 50enne

RAID INCENDIARIO AL BAR, NEL MIRINO CI SONO LE BARISTE

In fiamme un cestino, distrutta la vetrina del "Doga" di via Postumia


PAESE - Grave atto intimidatorio quello avvenuto nella notte ai danni del bar “Doga” di via Postumia a Paese. Un ignoto malvivente ha dato alle fiamme un cestino all'esterno del locale, danneggiando gravamente la vetrina esterna. L'episodio è avvenuto poco dopo l'una della scorsa notte: sul posto, per spegnere le fiamme, sono intervenuti i carabinieri ed i vigili del fuoco. Che si tratti di un atto doloso non vi è nessun dubbio. Il bar, di proprietà di un italiano, è gestito da due sorelle russe, Ekaterina e Natalia Sidelikova. Quest'ultima, ha riferito, sarebbe perseguitata da almeno nove anni da un 50enne del luogo protagonista in passato di altri gravi episodi di violenza nei suoi confronti: in un caso l'uomo l'avrebbe colpita con una testata, in un altro episodio avrebbe rotto volontariamente la vetrina del bar ed inoltre il malvivente l'avrebbe addirittura minacciata di morte attraverso finti profili di Facebook.