Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/186: CONCLUSO IL CHALLENGE 2017 DEI GIORNALISTI GOLFISTI

Le ultime due tappe in Lombardia, all'Albenza e Villa d'Este


TREVISO - Due belle giornate, 4 e 5 settembre, in due campi super, hanno contraddistinto la conclusione del viaggio in Italia dei giornalisti golfisti: il challenge di dodici memorabili tappe, che ci han permesso di giocare su altrettanti campi, riconosciuti tra i più belli d’Italia....continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/185: I CAMPIONI DI DOMANI DI SCENA AL "TEODORO SOLDATI"

Il sudafricano Vorster trionfa all'International Under 16 Championship


BIELLA - Gara di rilievo l’International Under 16 Championship. Questo Campionato Internazionale disputato per la prima volta nel 2007 (andato in dote a Rory McIlroy), fa parte del calendario EGA, ed è la manifestazione più sentita del panorama golfistico europeo a livello...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/184: IL GOLF CONQUISTA L'ITALIA CON LA RYDER CUP

Eventi promozionali dal Monte Bianco alla Sicilia


TREVISO - Nell’accettare l’agognata assegnazione al nostro Paese della Ryder Cup 2022, la Federazione Italiana Golf si è dovuta seriamente impegnare per lo sviluppo di questa disciplina sportiva, e per un arco temporale che va dal 2016 al 2027. Sono previsti circa 105 tornei di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Paese, i carabinieri indagano nei confronti del piromane, sospetti su un 50enne

RAID INCENDIARIO AL BAR, NEL MIRINO CI SONO LE BARISTE

In fiamme un cestino, distrutta la vetrina del "Doga" di via Postumia


PAESE - Grave atto intimidatorio quello avvenuto nella notte ai danni del bar “Doga” di via Postumia a Paese. Un ignoto malvivente ha dato alle fiamme un cestino all'esterno del locale, danneggiando gravamente la vetrina esterna. L'episodio è avvenuto poco dopo l'una della scorsa notte: sul posto, per spegnere le fiamme, sono intervenuti i carabinieri ed i vigili del fuoco. Che si tratti di un atto doloso non vi è nessun dubbio. Il bar, di proprietà di un italiano, è gestito da due sorelle russe, Ekaterina e Natalia Sidelikova. Quest'ultima, ha riferito, sarebbe perseguitata da almeno nove anni da un 50enne del luogo protagonista in passato di altri gravi episodi di violenza nei suoi confronti: in un caso l'uomo l'avrebbe colpita con una testata, in un altro episodio avrebbe rotto volontariamente la vetrina del bar ed inoltre il malvivente l'avrebbe addirittura minacciata di morte attraverso finti profili di Facebook.