Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/179: THE OPEN

Il trionfo di Jordan Spieth che vice il terzo major stagionale


GRAN BRETAGNA - The Open Championship o semplicemente The Open, è il British Open, che così vien chiamato solo fuori del Regno Unito. È la competizione golfistica tra le più importanti, la più longeva, ha storia di tre secoli. È l’unico dei quattro...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Susegana, dopo la denuncia del titolare è scattata la trappola dei carabinieri

FURTI DI METALLI IN AZIENDA ARRESTATO DIPENDENTE INFEDELE

Operaio 32enne sorpreso in flagranza con 60 kg di materiale ferroso


SUSEGANA - Rubava materiale ferroso come nickel, rame o bronzo, dall'azienda in cui lavorava, a Susegana. Il suo titolare, accortosi degli strani ammanchi, ha denunciato tutto ai carabinieri che hanno teso una trappola al dipendente infedele. L'uomo, un 32enne suseganese, è stato colto in flagrante dai militari mentre si appropriava di oltre 60 kg di metalli vari. L'arresto è scattato poco dopo le 22: l'operaio, terminato il turno di lavoro, si è allontanato dalla ditta così come i colleghi e poi è tornato per mettere a segno il furto. Dopo aver preso il bottino il 32enne ha avuto la brutta sorpresa di trovarsi al cospetto dei militari. L’uomo, con piccoli precedenti alle spalle e regolarmente assunto dalla ditta, si era giustificando dicendo che avrebbe rivenduto la refurtiva grazie alla quale avrebbe potuto realizzare circa 500 euro. In mattinata si è tenuta presso il palazzo di giustizia di Treviso l'udienza di convalida del fermo. Il 32enne, subito rimesso in libertà, ha patteggiato una pena di 8 mesi di reclusione ed una multa di 300 euro.