Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/200: DUSTIN JOHNSON CAMPIONISSIMO ALLE HAWAII

Il numero uno del ranking trionfa nel Sentry Toornament


TREVISO - Siamo ormai all’undicesimo torneo del PGA americano 2018, il Sentry Tournament of Champions, che si è giocato negli Stati Uniti al Plantation Course di Kapalua, da 4 al 7 gennaio. È l’undicesimo, giacché la prima gara della stagione, il Safeway Open,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/199: NEL 2018 L'OPEN D'ITALIA SUL LAGO DI GARDA

Novità di fine anno dal universo dei green italiani


TREVISO - Notizie che ci sono pervenute negli ultimi giorni e che val la pena di commentare. Cominciamo con l’Open d’Italia. Il 75° open d’Italia, la massima manifestazione nazionale di golf, non si giocherà nel 2018 al Golf Milano, bensì al Gardagolf country...continua

Golf
PILLOLE DI GOLFF/198: SI CONCLUDE IL CIRCUITO EUROPEO FEMMINILE

La protesta delle giocatrici: "Discriminate rispetto ai maschi"


Oggi parliamo di donne, di queste abili signore che si impegnano oltre misura alla ricerca del successo in Campo. A dire il vero, sono arrabbiate le golfiste europee, per la discriminazione che subiscono nel confronto con i maschi. Non conosco i motivi che generano questa scarsa considerazione, non...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Susegana, dopo la denuncia del titolare è scattata la trappola dei carabinieri

FURTI DI METALLI IN AZIENDA ARRESTATO DIPENDENTE INFEDELE

Operaio 32enne sorpreso in flagranza con 60 kg di materiale ferroso


SUSEGANA - Rubava materiale ferroso come nickel, rame o bronzo, dall'azienda in cui lavorava, a Susegana. Il suo titolare, accortosi degli strani ammanchi, ha denunciato tutto ai carabinieri che hanno teso una trappola al dipendente infedele. L'uomo, un 32enne suseganese, è stato colto in flagrante dai militari mentre si appropriava di oltre 60 kg di metalli vari. L'arresto è scattato poco dopo le 22: l'operaio, terminato il turno di lavoro, si è allontanato dalla ditta così come i colleghi e poi è tornato per mettere a segno il furto. Dopo aver preso il bottino il 32enne ha avuto la brutta sorpresa di trovarsi al cospetto dei militari. L’uomo, con piccoli precedenti alle spalle e regolarmente assunto dalla ditta, si era giustificando dicendo che avrebbe rivenduto la refurtiva grazie alla quale avrebbe potuto realizzare circa 500 euro. In mattinata si è tenuta presso il palazzo di giustizia di Treviso l'udienza di convalida del fermo. Il 32enne, subito rimesso in libertà, ha patteggiato una pena di 8 mesi di reclusione ed una multa di 300 euro.