Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

La polizia l'ha fermato mentre stava entrando nel Traforo del Monte Bianco

RICERCATO TREVIGIANO BLOCCATO ALLA FRONTIERA CON LA FRANCIA

L'uomo, nato nella Marca, è apolide: a suo carico molti reati


AOSTA - Con ogni probabilità stava cercando di raggiungere la Francia per far perdere le proprie tracce. Un uomo è stato bloccato dalla polizia di frontiera all'ingresso del tunnel del Traforo del Monte Bianco, poco prima del confine con il paese transalpino: T. M., nato a Treviso 26 anni fa, anche se risulta apolide, privo cioè della cittadinanza di qualsiasi stato, era ricercato dalle forze dell'ordine. Al contrario del suo passaporto, infatti, la sua fedina penale è assai corposa: sul suo capo pendeva un'ordinanza di custodia cautelare, emessa dalla Procura della Repubblica di Roma, per una lunga lista di reati, dalla guida senza patente o con patente revocata, alla sostituzione di persona, alla ricettazione, al furto, all'immigrazione clandestina, fino allo spaccio di sostanze stupefacenti. Illeciti che avrebbe commesso anche in Veneto.