Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/231: A BIELLA IL CAMPIONATO DEI GIOVANI TALENTI DEDICATO A TEODORO SOLDATI

Lucas Fallotico vince il 12° Reply International under 16


BIELLA - A ospitare la gara è il Golf Club “Le Betulle”, campo realizzato alla fine degli anni 50 sulla collina morenica della Serra, la più lunga d’Europa, un ambiente ideale per il golf. Situato a un’altitudine di 590 metri slm, Il Campo, è un...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/230: ANDREA PAVAN VINCE IL REAL CZECH MASTERS

Primo successo sull'European Tour del romano


PRAGA - È il primo successo sull’European Tour di Andrea Pavan, che già si era imposto in quattro occasioni sul Challenge Tour. Il 29enne romano ha vinto, 22 colpi sotto il par del campo, il Real Czech Masters sul percorso Albatross Golf Resort (par 72), di Praga, montepremi un...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/229: ANCHE IL GOLF A SQUADRE AGLI EUROPEI IN SCOZIA

Il team italiano medaglia di bronzo nella foursome


AUTCHTERARDER (SCOZIA) – L’innovativa competizione ha visto gareggiare insieme uomini e donne, sul percorso del Gleneagles PGA Centenary, Il torneo si è giocato nell’ambito dell’European Championship 2018, la grande novità in ambito sportivo, che dopo gli...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

La Procura archivia il fascicolo sul decesso della 12enne Lorena Elisa Jimenez

BAMBINA MORTA PER UN ATTACCO EPILETTICO: NESSUN RESPONSABILE

Gli accertamenti medici hanno escluso qualsiasi tipo di negligenza


CASALE SUL SILE - (gp) Non ci sono colpevoli per la morte di Lorena Elisa Jimenez, la ragazzina di 12 anni originaria di Santo Domingo stroncata da una crisi epilettica, a cui è seguito un arresto cardiaco, mentre si trovava nel corso del rientro pomeridiano nella scuola elementare di Conscio il 19 dicembre scorso. Il fascicolo aperto sul caso dalla Procura di Treviso si è chiuso infatti con un'archiviazione. Gli accertamenti disposti dal sostituto procuratore Giovanni Valmassoi non hanno rilevato alcun profilo di responsabilità a carico di terzi, sia dal punto di vista dei soccorsi, tempestivi e rispettosi delle procedure, sia a carico del medico che aveva sospeso la somministrazione alla ragazzina di una pastiglia salva-vita in caso di attacco epilettico (che le era stata prescritta da uno specialista in neurobiologia pediatrica dell'ospedale di Santo Domingo “Unidad de asistencia de salud”). Le analisi e gli accertamenti medici hanno escluso che il decesso sia conseguenza di quella decisione del medico trevigiano. Allo stesso tempo, come la stessa direzione sanitaria dell'Ulss 9 aveva sottolineato con una nota ufficiale, tutti gli interventi per rianimare la 12enne, soccorsa quando era già in arresto cardiocircolatorio, erano stati eseguiti a regola d'arte.