Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/194: IN SUDAFRICA IL PENULTIMO ATTO DELL'EUROPEAN TOUR

Vittoria per l'indolo di casa Brendan Grace


Dopo il Turkish Open, giocato ad Antalya la scorsa settimana e conquistato da Justin Rose, siamo ora al Gary Player GC di Sun City (par 72) in Sudafrica, dove, dal 9 al 12 novembre, si disputa il Nedbank Golf Challenge penultimo atto dell’European Tour, e settimo degli otto eventi delle Rolex...continua

Cronaca
PILLOLE DI GOLF/193: IN OMAN SI CONCLUDE LA CORSA DEL CHALLENGE

In palio la "carta" per l'European Tour


MUSCAT - Ricordiamo brevemente cos’è il Challenge, chiamato un tempo Satellite. È un Tour organizzato dal PGA European Tour, con la serie di tornei di golf professionali. È finalizzato allo sviluppo e alla promozione degli atleti al Tour europeo, che si classificano in...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/192: JUSTIN ROSE, RIMONTA VINCENTE IN CINA

Il Wgc di Shanghai si decide solo nel giro finale


SHANGHAI - Sul percorso dello Sheshan International GC (par 72), a Shanghai, dal 26 al 29 ottobre, si è giocato il quarto e ultimo torneo stagionale, del World Golf Championship, il mini circuito mondiale, a cui sono stati ammessi appena 78 concorrenti, solo i grandi. Com’è...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Trenta mesi a Nicola Crisanti De Ascentis, ventotto a Federico Rossi Montecuccoli

CRAC VECOPER: CONDANNATI I DUE MANAGER DELLA DITTA DI ISTRANA

Non luogo a procedere per i tre sindaci coinvolti: il reato è prescritto


ISTRANA - (gp) Il tribunale di Treviso ha messo la parola fine alla vicenda Vecoper, l'azienda di Istrana che produceva prefabbricati dichiarata fallita nel dicembre 2004. Ridimensionando di molto le richieste del pubblico ministero, Nicola Crisanti De Ascentis, 70enne amministratore della Globus 2000 (la società che nel 2001 inglobò la Vecoper), è stato condannato a due anni e sei mesi di reclusione, mentre Federico Rossi Montecuccoli, manager dell'azienda di Istrana, a due anni e quattro mesi. Entrambi erano chiamati a rispondere dell'accusa di bancarotta fraudolenta. Disposto invece il non luogo a procedere per intervenuta prescrizione nei confronti dei sindaci Marco Di Paco, 59enne milanese, Antonella Giacchetti, 50enne fiorentina e Riccardo Salvatori, 46enne romano, accusati di aver causato e aggravato il dissesto della società non osservando gli obblighi di legge in materia di controllo. Stando alla ricostruzione della Procura di Treviso, le casse della società sarebbero state svuotate negli anni con prelievi non giustificati tra i 100 mila e i 2 milioni di euro, operazioni che secondo la guardia di finanza avevano lasciato nel tempo una scia di oltre 300 creditori. Stando alla relazione delle fiamme gialle gli imputati avrebbero causato un buco di 40 milioni di euro, con una distrazione che si sarebbe aggirata tra i 4 e i 5 milioni di euro, anche se poi una perizia aveva ridimensionato la cifra a un milione e 600 mila. Per la stessa vicenda, il 21 maggio 2009, Fausto Fiori, 61enne manager dell'azienda originario di Mantova ma residente a Treviso, era stato condannato in primo grado dal gup di Treviso a 5 anni di carcere con rito abbreviato per bancarotta fraudolenta.