Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/190: L'OPEN D'ITALIA 2017 È DA RECORD

Davanti a 73mila spettatori, vince l'inglese Hatton


MONZA - Eccoci giunti all’attesissimo evento, la manifestazione golfistica cardine sul territorio italiano! Preceduto da festeggiamenti, si è celebrato, dal 12 al 15 ottobre il 74° Open d’Italia, al Golf Club Milano. I più forti professionisti mondiali di Golf si son...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/189: CAMPI PRATICA, COLONNA PORTANTE DELLO SPORT

A Ca' della Nave il torneo dell'associazione dei club


MARTELLAGO - È con simpatia, che sabato 30 settembre il Golf Club Cà della Nave ha accolto l’Associazione Campi Pratica per una gara stableford a tre categorie, settima degli otto incontri della serie TROFEO, che a turno ogni Circolo appartenente all’associazione,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/188: TUTTO PRONTO PER L'OPEN D'ITALIA 2017

Al Parco di Monza il torneo del massimo circuito europeo


TREVISO - Il 74° Open d’Italia sta per andare in scena; è il principale evento sportivo nazionale legato alla Ryder Cup 2022, la sfida fra Europa e Stati Uniti, in programma fra cinque anni al Marco Simone Golf & Country Club. È il primo Open d’Italia con un...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Rinviato a giudizio per omicidio colposo Roberto Schiavon, 29enne di Carbonera

SCHIANTO A PREGANZIOL: IN AULA PER LA MORTE DI AMEDEO VIVIANI

La vittima, triestina di nascita, era uno dei più affermati raider italiani


CARBONERA – (gp) Rinviato a giudizio per omicidio colposo per la morte di Amedeo Viviani, il 27enne rider triestino che viaggiava accanto a lui nella Ford Fiesta uscita di strada lungo il Terraglio a Preganziol all'alba del 24 giugno 2012. Questo quanto stabilito dal gup Gioacchino Termini nei confronti di Roberto Schiavon, il 29enne di Carbonera che quel giorno si trovava alla guida dell'auto finita contro il ponticello d'ingresso in cemento di una villa al civico 287, un chilometro fuori dell'abitato di Preganziol, poco distante dal centro congressi Crystal e dall'incrocio con via Baratta Nuova. Uno schianto tremendo che non lasciò scampo ad Amedeo Viviani, deceduto sul colpo.Triestino di nascita, il 27enne da alcuni anni risiedeva a Treviso, dove aveva frequentato il corso di laurea in design industriale e dove lavorava come grafico, con esperienze anche nel gruppo Benetton. Durante l'inverno, però, molto tempo era dedicato alla sua passione: maestro di snowboard, era uno degli atleti italiani di punta nella specialità freestyle (salti ed evoluzioni sulle rampe). Nel sinistro anche Roberto Schiavon aveva riportato gravi traumi, ma fu salvato dal tempestivo intervento del Suem 118 e dalle successive cure dei medici del Ca' Foncello dopo il ricovero. A causare lo schianto con ogni probabilità un colpo di sonno del 27enne, risultato negativo ai test per verificare l'assunzione di alcol o droghe.