Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/227: JUSTIN THOMAS SENZA RIVALI AL BRIDGESTONE INVITATIONAL

Il terzo evento del circuito World Golf Championship


AKRON (USA) - È Francesco Molinari a godere il favore degli spettatori. Lo divide con il leader mondiale Dustin Johnson, che di WGC ne ha già conquistati cinque. Anche Tiger Woods, riemerso grazie alla bella prestazione nell’Open Championship, è atteso con...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/226: UN BEL COMPLEANNO FESTEGGIATO SUL FAIRWAY

Torneo e party in onore di Luigino Conti, patron di Ca' della Nave


MARTELLAGO - Una Louisiana a due, per festeggiare il genetliaco di Luigino Conti, direttore del Club Cà della Nave, persona che sa farsi benvolere.Luigino, che ormai da tre anni ha assunto la dirigenza del Circolo trovando nel suo cammino un mare di difficoltà, è riuscito a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/225: CON L'ACI SI GIOCA NEL BOSCO DELLA SERENISSIMA

Al Golf Cansiglio il torneo promosso dall'Automobile Club


TAMBRE D'ALPAGO - L’Automobile Club d’Italia ha cura dei propri soci: al di là del suo compito d’istituto su tutto quanto è attinente all’automobile, mette a loro disposizione un Campionato italiano di Golf, che gira da aprile ad agosto, su 28 tra i...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Un'ex dipendente del solarium accusava l'ex capo e un complice di volerla sabotare

MOLOTOV NEL CENTRO ESTETICO: ASSOLTI ENTRAMBI GLI IMPUTATI

Si è messa in proprio facendo concorrenza al suo ex capo


TREVISO - (gp) Erano finiti a processo per rispondere in concorso delle accuse di minacce e tentato danneggiamento seguito da incendio, ma come avevano sempre sostenuto sono stati dichiarati innocenti. La sentenza di assoluzione è stata emessa dal giudice Michele Vitale nei confronti di T.M., titolare di un centro estetico di viale IV Novembre, e di M.L., un giovane albanese di cui si sono perse le tracce. A trascinarli in tribunale era stata un'ex dipendente del solarium che accusava il suo ex datore di lavoro e il ragazzo di aver tentato di sabotare la sua nuova attività. Tutto sarebbe nato quanto la donna sembrava intenzionata a rilevare l'attività di T.M., ma l'accordo saltò. Così decise di mettersi in proprio e aprire un centro estetico sempre nella stessa zona, facendo di fatto concorrenza al suo ex datore di lavoro. T.M., secondo il racconto della ragazza, non l'avrebbe presa bene e, stando invece a quanto sostenuto dalla Procura di Treviso, avrebbe promesso diecimila euro a al giovane albanese per dar fuoco al locale della sua ex dipendente. La sera del 31 dicembre del 2012, M.L. avrebbe piazzato due bottiglie molotov davanti la vetrina del solarium, non innescandole però. Qualche giorno più tardi si sarebbe ripresentato incontrando la proprietaria e raccontandole dei soldi promessi dal suo ex datore di lavoro. Lei allora sporse denuncia e mandò entrambi a processo. Impossibile dire se si fosse inventata tutto, ma in ogni caso per il giudice i due non sono responsabili di nulla.