Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/216: LA CINA ╚ VICINA ANCHE SUL GREEN

A Pechino, lo svedese Bjork supera Otaegui


TREVISO - Ed ecco l’Open di questo Paese fino a ieri tanto lontano da noi, e che oggi, in quanto a Golf e non solo, si sta portando in pole position nel mondo.Il Volvo China Open, torneo dell’European Tour che si avvale dell’organizzazione dell’Asian Tour, si gioca al Topwin...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/215: ALLA MONTECCHIA VA IN SCENA IL BANCA GENERALI INVITATIONAL

Quarta tappa del circuito sponsorizzato dal gruppo bancario


SELVAZZANO DENTRO (PD) - In un ambiente speciale, la gara di golf 18 buche stableford, contrassegnata dall’esclusività e dal prestigio di “Banca Generali Private”. Era la quarta delle sette tappe del “Trofeo di golf area nord est” sponsorizzato da Banca...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/214: IL CHALLENGE AIGG RITORNA IN VENETO

Giornalisti golfisti impegnati a Frassanelle e al Colli Berici


PADOVA/VICENZA - Il Challenge dei Giornalisti Golfisti d’Italia 2018, dopo le giornate romane è arrivato in Veneto, nel padovano e nel vicentino. Abbiamo giocato in due particolarissimi Campi, ambientati in luoghi molto interessanti. Nella prima giornata abbiamo goduto della...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

San Polo di Piave, banda bloccata dopo l'ennesimo colpo a Pravisdomini

RAFFICA DI FURTI TRA TREVISO E PORDENONE, CINQUE ARRESTATI

Fermati dai carabinieri quattro uomini albanesi ed una 23enne


SAN POLO DI PIAVE - Dai primi giorni di settembre si sarebbero resi protagonisti di decine di furti messi a segno tra le province di Treviso e Pordenone. Nella tarda serata di ieri, dopo l'ennesimo colpo messo a segno a Pravisdomini, l'avventura criminale di una banda di ladri albanesi è arrivata al capolinea. La vettura su cui viaggiavano i malviventi, una Renault Clio nera rubata sabato scorso a Ponte di Piave, è stata fermata dai carabinieri a San Polo di Piave. A finire in manette, dopo una collutazione con i militari, cinque persone: Indrit Saliu di 23 anni, Ilir Kokaj di 27 anni, Emanuel Lika di 24 anni, Bruxhino Murati di 20 anni e l'unica donna di 23 anni, senza precedenti penali. Perquisendo l'automobile e le abitazioni dei balcanici è stata trovata numerosa refurtiva di ingente valore: pc, gioielli, borse, orologi. Buona parte del bottino rinvenuto è attribuibile ad altri furti messi a segno nelle scorse settimane.

Galleria fotograficaGalleria fotografica