Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/231: A BIELLA IL CAMPIONATO DEI GIOVANI TALENTI DEDICATO A TEODORO SOLDATI

Lucas Fallotico vince il 12° Reply International under 16


BIELLA - A ospitare la gara è il Golf Club “Le Betulle”, campo realizzato alla fine degli anni 50 sulla collina morenica della Serra, la più lunga d’Europa, un ambiente ideale per il golf. Situato a un’altitudine di 590 metri slm, Il Campo, è un...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/230: ANDREA PAVAN VINCE IL REAL CZECH MASTERS

Primo successo sull'European Tour del romano


PRAGA - È il primo successo sull’European Tour di Andrea Pavan, che già si era imposto in quattro occasioni sul Challenge Tour. Il 29enne romano ha vinto, 22 colpi sotto il par del campo, il Real Czech Masters sul percorso Albatross Golf Resort (par 72), di Praga, montepremi un...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/229: ANCHE IL GOLF A SQUADRE AGLI EUROPEI IN SCOZIA

Il team italiano medaglia di bronzo nella foursome


AUTCHTERARDER (SCOZIA) – L’innovativa competizione ha visto gareggiare insieme uomini e donne, sul percorso del Gleneagles PGA Centenary, Il torneo si è giocato nell’ambito dell’European Championship 2018, la grande novità in ambito sportivo, che dopo gli...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

In mattinata manifestazione dei dipendenti davanti alla sede di via Roma

"NES A RISCHIO TRACOLLO ANCHE SE VERRANNO TROVATI I SOLDI"

I sindacati: "Difficile recuperare la perdita di credibilità sul mercato"


TREVISO - I lavoratori della North East Services, la società di portavalori dal cui caveau è sparita una trentina di milioni di euro, sono scesi in strada. Una delegazione di dipendenti e sindacalisti ha dato vita ad un sit-in di protesta davanti alla sede del gruppo Compiano, di cui la Nes, fa parte, in via Roma, a Treviso. La Nes conta 670 addetti nelle sue 17 filiali in tutta Italia, di cui circa 150 nella Marca e nelle zone limitrofe, tra personale amministrativo, vigilanza, trasporto, sala conta. Il rischio è che la vicenda assesti un colpo letale all'azienda, con le immaginabili conseguenze sull'occupazione. Per questo i sindacati di categoria Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs Uil seguono con apprensione l'ormai probabile revoca della licenza, che segnerebbe lo stop all'attività, ed hanno chiesto un incontro al prefetto di Venezia per avere chiarimenti su questo aspetto. La vertenza comunque è destinata ad assumere una dimensione italiana, con l'interessamento delle segreterie nazionali delle varie organizzazioni sindacali. Ma, al di là del recupero del denaro mancante ed anche se le autorizzazioni venissero confermate o comunque nuovamente rilasciate in prossimo futuro, il timore dei confederali è che la perdita di credibilità sul mercato conseguenza di questo caso provochi comunque il tracollo della storica impresa. "Chi rischia di pagare davvero le conseguenza di tutta questa vicenda - conferma Edoardo Dorella, segretario provinciale della Fisascat - non sono nè i risparmiatori, nè le banche, comunque coperti dalle assicurazioni, ma soltanto i lavoratori della Nes".

Galleria fotograficaGalleria fotografica