Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/248: PADRAIG HARRINGTON CAPITANO DELL'EUROPA IN RYDER CUP

Nel 2020 l'irlandese guiderà il team continentale nella sfida agli Usa


ROMA - Sarà l’irlandese Padraig Harrington, a svolgere la missione di Capitano europeo alla Ryder Cup 2020, prossimo appuntamento americano fra Europa e Stati Uniti. Harrington è stato scelto da un Comitato composto dagli ultimi tre capitani del massimo circuito europeo: Paul...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/247: I CAMPIONI DEL PGA INIZIANO L'ANNO ALLE HAWAII

L'outsider Schauffele trionfa nel torneo riservato ai 37 vincitori del circuito


MAUI - Al Plantation Course di Kapalua, è andato in scena l’evento riservato alla crema del PGA, cioè ai 37 che hanno vinto un torneo nel circuito della passata stagione. Il Sentry Tournament of Champions ha luogo sempre durante la prima settimana di gennaio, sempre nel medesimo...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/19: IL MOLINETTO GOLF & COUNTRY CLUB

Dai Celti agli Sforza, a Cernusco sul Naviglio si gioca tra la storia d'Italia


CERNUSCO SUL NAVIGLIO - Quello che colpisce maggiormente arrivando al Golf Molinetto, è di trovarsi all’improvviso in una realtà che si stacca completamente da tutto ciò che la circonda: il territorio tipico della Lombardia produttiva, dove la gente è soprattutto...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

I ragazzi del Collettivo in piazza dei Signori dopo la tragedia di Lampedusa

UN FLASH MOB DI ZTL WAKE UP PER DIRE BASTA ALLA BOSSI-FINI

Le vittime sono 111, indagati per clandestinità i 155 superstiti


TREVISO – (gp) Un flashmob in piazza dei Signori per dire basta alla legge Bossi-Fini. E' questa l'iniziativa promossa dai ragazzi del Collettivo Ztl Wake Up per esprimere la propria solidarietà alle vittime dell'ultimo tragico sbarco sulle coste di Lampedusa. Pantaloni e maglie stese a terra nel cuore del centro storico a testimoniare la vicinanza del collettivo all'ecatombe che si è consumata tre giorni fa in Sicilia. “Un mare pieno di cadaveri” è stato definito dalle autorità locali, e i ragazzi di Ztl, come peraltro diversi schieramenti politici fino a questo momento, hanno organizzato questo flashmob per smuovere le coscienze e denunciare pubblicamente che la legge contro l'immigrazione clandestina deve essere cambiata. Intanto sono 111 i corpi recuperati in mare e i 155 sopravvissuti sono stati iscritti nel registro degli indagati per l'ipotesi di reato di immigrazione clandestina. “Un atto dovuto – ha affermato procuratore capo di Agrigento Renato Di Natale – purtroppo non potevamo fare altrimenti”.