Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/186: CONCLUSO IL CHALLENGE 2017 DEI GIORNALISTI GOLFISTI

Le ultime due tappe in Lombardia, all'Albenza e Villa d'Este


TREVISO - Due belle giornate, 4 e 5 settembre, in due campi super, hanno contraddistinto la conclusione del viaggio in Italia dei giornalisti golfisti: il challenge di dodici memorabili tappe, che ci han permesso di giocare su altrettanti campi, riconosciuti tra i più belli d’Italia....continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/185: I CAMPIONI DI DOMANI DI SCENA AL "TEODORO SOLDATI"

Il sudafricano Vorster trionfa all'International Under 16 Championship


BIELLA - Gara di rilievo l’International Under 16 Championship. Questo Campionato Internazionale disputato per la prima volta nel 2007 (andato in dote a Rory McIlroy), fa parte del calendario EGA, ed è la manifestazione più sentita del panorama golfistico europeo a livello...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/184: IL GOLF CONQUISTA L'ITALIA CON LA RYDER CUP

Eventi promozionali dal Monte Bianco alla Sicilia


TREVISO - Nell’accettare l’agognata assegnazione al nostro Paese della Ryder Cup 2022, la Federazione Italiana Golf si è dovuta seriamente impegnare per lo sviluppo di questa disciplina sportiva, e per un arco temporale che va dal 2016 al 2027. Sono previsti circa 105 tornei di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

La guardia della De' Longhi, 17 punti contro Udine, racconta le sue sensazioni

DOPO IL DEBUTTO DI TVB PRANDIN CONFESSA: "ERAVAMO EMOZIONATI"

"Non credevo arrivasse tanta gente, ci ha aiutato nei momenti duri"


TREVISO - Un bell'esordio, quello della De' Longhi domenica contro Udine nel campionato di Dnb: vittoria su Udine 59-52, tanto entusiasmo, personaggi illustri in tribuna. Ciò che importava di più, il risultato, è arrivato, e questo fa guardare al futuro con maggiore fiducia. Così racconta la serata dell'esordio Roberto Prandin, un ex dei friulani che con i suoi 17 punti è stato il cannoniere della partita. "Un po’ d’emozione non è mancata: naturale, era l’esordio in un ambiente che ancora non conosciamo a fondo. Magari ci sono stati momenti non di grandissima pallacanestro, però portarla a casa in questa maniera probabilmente ci è servito di più. E non dimentichiamo che Udine, con noi, Montichiari e qualche altra se la giocherà fino in fondo. Noi domenica saremo proprio a Montichiari, direi niente male come inizio di stagione. Siamo ancora in rodaggio, me compreso: ho fallito troppi tiri aperti, idem Gatto e Maestrello. E’ che davvero dobbiamo conoscere bene il Palacicogna ma non possiamo nemmeno essere in forma già oggi, meglio esserlo a maggio. In quanto al tifo, ero dubbioso, non credevo arrivasse tanta gente: ci ha aiutato nei momenti difficili."