Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/182: ANCORA DOMINIO USA ALLA SOLHEIM CUP 2017

In Iowa la più importante gara del tour femminile


TREVISO - Solheim Cup 2017: siamo al corrispondente femminile della Ryder Cup, la gara più importante per “l’altra metà del cielo”, che contrappone le più forti atlete europee a quelle americane. Si gioca ogni due anni, alternativamente in Europa e negli Stati...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

I tre, difesi dall'avvocato Chirstian Menegon, sarebbero estranei alla vicenda

HASHISH A CIANO DEL MONTELLO: LIBERI LA MOGLIE E I DUE COGNATI

Rimane in carcere Said Ed Dairi: i 2 chili di droga sarebbero stati suoi


CROCETTA DEL MONTELLO – (gp) La squadra mobile di Treviso giovedì scorso aveva arrestato quattro persone in una casa colonica nella zona di Ciano, una frazione di Crocetta, considerata il crocevia dello spaccio della zona del Montello. In manette era finito un intero nucleo familiare di cittadini marocchini: Said Ed Dairi, 34 anni, la moglie coetanea Halima Saoud ed i suoi fratelli Omar e Mohamad di 27 e 31 anni. Comparsi tutti di fronte al gip Silvio Maras per l'interrogatorio di convalida dell'arresto, tre di loro, difesi dall'avvocato Chirstian Menegon, sono stati subito rimessi in libertà in quanto con l'attività di spaccio non c'entrerebbero proprio nulla. Nel corso dell'operazione erano stati sequestrati 2 etti di hashish che erano nascosti nella stanza da letto di Said Ed Dairi e altri 2 kg di sostanza stupefacente erano stati trovati all'interno di una baracca, poco distante dall'abitazione. Gli agenti misero sotto sequestro anche 12mila euro in contanti e documentazione che proverebbe l'invio di oltre 30mila euro in contanti verso il Marocco: si pensava fossero frutto dello spaccio, ma in realtà, secondo l'avvocato Menegon che presenterà nei prossimi giorni la richiesta di dissequestro e restituzione al tribunale del riesame, era il denaro che una delle sorelle e suo marito, che da 12 anni lavorano in Italia, avevano messo da parte per comprare una casa in Marocco e tornare nel loro paese d'origine a vivere.