Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Accertata una rendita catastale complessiva di 13 milioni di euro

OLTRE 23MILA "CASE FANTASMA" SCOPERTE IN PROVINCIA DI TREVISO

Indagine delle Entrate sugli immobili non dichiarati al Castasto


TREVISO - Più di 23mila "case fantasma" con una rendita catastale complessiva pari a circa 13 milioni di euro. E' quanto accertato nella Marca dall'operazione, su scala nazionale, condotta dall'Agenzia delle Entrate per individuare immobili sconosciuti al catasto o non regolarizzati. Treviso è la prima provincia in Veneto sia per numero delle unità sia per entità della rendita accertata. Nel complesso sono risultati mancare dalle banche dati del catasto 23.673 fabbricati. A 12.234 di queste sono state attribuite rendite definitive per poco più di 8 milioni di euro, dopo che gli interessati hanno provveduto spontaneamente a presentare gli atti di aggiornamento del Catasto, mentre valgono circa 5 milioni le rendite presunte, cioè attribuite d’ufficio, perché gli immobili (11.439) non erano stati accatastati volontariamente dai contribuenti alla data del 30 novembre 2012, giorno in cui si è chiusa l’attività di accertamento sui fabbricati non dichiarati. In tutta la regione, gli immobili non segnalati scoperti ammontano a 62.046 unità, per un valore totale superiore ai 42,3 milioni.