Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/248: PADRAIG HARRINGTON CAPITANO DELL'EUROPA IN RYDER CUP

Nel 2020 l'irlandese guiderà il team continentale nella sfida agli Usa


ROMA - Sarà l’irlandese Padraig Harrington, a svolgere la missione di Capitano europeo alla Ryder Cup 2020, prossimo appuntamento americano fra Europa e Stati Uniti. Harrington è stato scelto da un Comitato composto dagli ultimi tre capitani del massimo circuito europeo: Paul...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/247: I CAMPIONI DEL PGA INIZIANO L'ANNO ALLE HAWAII

L'outsider Schauffele trionfa nel torneo riservato ai 37 vincitori del circuito


MAUI - Al Plantation Course di Kapalua, è andato in scena l’evento riservato alla crema del PGA, cioè ai 37 che hanno vinto un torneo nel circuito della passata stagione. Il Sentry Tournament of Champions ha luogo sempre durante la prima settimana di gennaio, sempre nel medesimo...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/19: IL MOLINETTO GOLF & COUNTRY CLUB

Dai Celti agli Sforza, a Cernusco sul Naviglio si gioca tra la storia d'Italia


CERNUSCO SUL NAVIGLIO - Quello che colpisce maggiormente arrivando al Golf Molinetto, è di trovarsi all’improvviso in una realtà che si stacca completamente da tutto ciò che la circonda: il territorio tipico della Lombardia produttiva, dove la gente è soprattutto...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Per l'associazione sono in aumento i casi simili negli ultimi sei mesi

GLI DIMEZZANO IL FIDO A 5MILA EURO: PICCOLO ARTIGIANO IN CRISI

Secondo la Cna, decisione immotivata: "Azienda sana e conosciuta"


TREVISO - Le imprese, da sei mesi a questa parte, si vedono ridurre i fidi consolidati, in modo spesso arbitrario, dai propri istituti di credito. Un fenomeno allarmante, rilevato dal consorzio fidi della Cna “Canova”, che interessa trasversalmente tutte le banche.

L’ultimo episodio interessa un artigiano che si è visto dimezzare i fidi di cassa a una settimana dal rinnovo. Da 10 mila euro a 5 mila euro per ciascuna delle due imprese. Fidi che aveva con la stessa banca da dieci anni senza mai alcun problema. La doccia gelata, arrivata oltretutto a fine mese in un momento di scadenze nei pagamenti, ha ovviamente messo in difficoltà l’azienda. In modo ingiusto e immotivato, secondo la Cna, che ha immediatamente preso le difese del proprio associato. L’intervento del consorzio fidi “Canova”, che garantisce al 50 per cento gli affidamenti dell’artigiano, ha scongiurato il peggio. I fidi sono stati riportati al valore precedente.

«Abbiamo fatto notare all’istituto di credito che l’azienda è sana e che non era proprio il caso di accampare scuse sulla patrimonializzazione perché è una snc, in cui l’imprenditore risponde con il proprio patrimonio personale che, nel caso specifico, è di tutto rispetto”, racconta Walter Barzan, direttore della cooperativa di credito della Cna. Non è il primo caso simile che il confidi si trova ad affrontare: “Temiamo ci siano direttive nelle banche che vadano nel senso di ridurre gli affidamenti agli artigiani – ribadisce Barzan -. Questo non deve accadere perché il credito è il polmone dell’impresa. Tanto più in un momento di difficoltà come l’attuale.

Il 70% delle pratiche effettuate dal consorzio fidi della Cna nel corso del 2013 sono rinnovi degli affidamenti a favore di aziende artigiane che le banche e il confidi conoscono bene. Per l'organizzazione imprenditoriale l’eccesso di prudenza da parte delle banche può essere compreso e tollerato nel caso di imprese nuove; risulta incomprensibile quando rivolto ad imprese con cui hanno relazioni positive da molti anni.