Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/179: THE OPEN

Il trionfo di Jordan Spieth che vice il terzo major stagionale


GRAN BRETAGNA - The Open Championship o semplicemente The Open, è il British Open, che così vien chiamato solo fuori del Regno Unito. È la competizione golfistica tra le più importanti, la più longeva, ha storia di tre secoli. È l’unico dei quattro...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Per l'associazione sono in aumento i casi simili negli ultimi sei mesi

GLI DIMEZZANO IL FIDO A 5MILA EURO: PICCOLO ARTIGIANO IN CRISI

Secondo la Cna, decisione immotivata: "Azienda sana e conosciuta"


TREVISO - Le imprese, da sei mesi a questa parte, si vedono ridurre i fidi consolidati, in modo spesso arbitrario, dai propri istituti di credito. Un fenomeno allarmante, rilevato dal consorzio fidi della Cna “Canova”, che interessa trasversalmente tutte le banche.

L’ultimo episodio interessa un artigiano che si è visto dimezzare i fidi di cassa a una settimana dal rinnovo. Da 10 mila euro a 5 mila euro per ciascuna delle due imprese. Fidi che aveva con la stessa banca da dieci anni senza mai alcun problema. La doccia gelata, arrivata oltretutto a fine mese in un momento di scadenze nei pagamenti, ha ovviamente messo in difficoltà l’azienda. In modo ingiusto e immotivato, secondo la Cna, che ha immediatamente preso le difese del proprio associato. L’intervento del consorzio fidi “Canova”, che garantisce al 50 per cento gli affidamenti dell’artigiano, ha scongiurato il peggio. I fidi sono stati riportati al valore precedente.

«Abbiamo fatto notare all’istituto di credito che l’azienda è sana e che non era proprio il caso di accampare scuse sulla patrimonializzazione perché è una snc, in cui l’imprenditore risponde con il proprio patrimonio personale che, nel caso specifico, è di tutto rispetto”, racconta Walter Barzan, direttore della cooperativa di credito della Cna. Non è il primo caso simile che il confidi si trova ad affrontare: “Temiamo ci siano direttive nelle banche che vadano nel senso di ridurre gli affidamenti agli artigiani – ribadisce Barzan -. Questo non deve accadere perché il credito è il polmone dell’impresa. Tanto più in un momento di difficoltà come l’attuale.

Il 70% delle pratiche effettuate dal consorzio fidi della Cna nel corso del 2013 sono rinnovi degli affidamenti a favore di aziende artigiane che le banche e il confidi conoscono bene. Per l'organizzazione imprenditoriale l’eccesso di prudenza da parte delle banche può essere compreso e tollerato nel caso di imprese nuove; risulta incomprensibile quando rivolto ad imprese con cui hanno relazioni positive da molti anni.