Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/186: CONCLUSO IL CHALLENGE 2017 DEI GIORNALISTI GOLFISTI

Le ultime due tappe in Lombardia, all'Albenza e Villa d'Este


TREVISO - Due belle giornate, 4 e 5 settembre, in due campi super, hanno contraddistinto la conclusione del viaggio in Italia dei giornalisti golfisti: il challenge di dodici memorabili tappe, che ci han permesso di giocare su altrettanti campi, riconosciuti tra i più belli d’Italia....continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/185: I CAMPIONI DI DOMANI DI SCENA AL "TEODORO SOLDATI"

Il sudafricano Vorster trionfa all'International Under 16 Championship


BIELLA - Gara di rilievo l’International Under 16 Championship. Questo Campionato Internazionale disputato per la prima volta nel 2007 (andato in dote a Rory McIlroy), fa parte del calendario EGA, ed è la manifestazione più sentita del panorama golfistico europeo a livello...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/184: IL GOLF CONQUISTA L'ITALIA CON LA RYDER CUP

Eventi promozionali dal Monte Bianco alla Sicilia


TREVISO - Nell’accettare l’agognata assegnazione al nostro Paese della Ryder Cup 2022, la Federazione Italiana Golf si è dovuta seriamente impegnare per lo sviluppo di questa disciplina sportiva, e per un arco temporale che va dal 2016 al 2027. Sono previsti circa 105 tornei di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Caerano, sigarette elettroniche e liquidi erano stati rivenduti ad un negozio di Quinto

SVALIGIA NEGOZIO IN CUI LAVORA TITOLARE COSTRETTO A CHIUDERE

Dipendente infedele denunciato, nei guai anche i due complici


CAERANO SAN MARCO - Era stato assunto qualche mese fa come dipendente in un negozio specializzato nella vendita di sigarette elettroniche a Caerano San Marco: a causa di un furto, messo a segno qualche settimana fa, il titolare, Luca Baggio, era stato costretto a chiudere i battenti della sua attività. L'episodio, anomalo, ha spinto i carabinieri di Montebelluna a vederci chiaro e le indagini hanno portato ad una verità sconcertante. A mettere a segno il furto era stato proprio il dipendente, D.D., un 45enne di Noale. La merce, del valore di circa 18mila euro, era già stata ricettata ad un negozio di Quinto di Treviso di proprietà di una coppia: lui 48enne, lei 43enne. I carabinieri, nel corso di un'ispezione, hanno scoperto che il negozio aveva già messo in vendita buona parte dei liquidi per sigarette elettroniche derivanti dal furto messo a segno a Caerano. La coppia è stata denunciata per ricettazione; recuperata buona parte della refurtiva che era custodita nelle abitazioni dei tre coinvolti nell'indagine e nel negozio di Quinto. Secondo quanto è stato accertato dagli investigatori, coordinati dal capitano Eleonora Spadati, il 45enne (denunciato per furto) si era reso protagonista poco tempo fa di un altro furto messo a segno all'interno di un negozio di informatica di Montebelluna. In questo frangente le telecamere di videosorveglianza lo inquadrarono mentre trafugava un pc.

Galleria fotograficaGalleria fotografica