Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/223: I SOCI AIGG SI SFIDANO SULLE DOLOMITI

Tre giornate in quota tra Alto Adige e Trentino


BOLZANO - Un interessante momento nelle gare dell’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti: tre giornate di golf impegnativo, in aggiunta all’annuale challenge, per godere le Dolomiti. Nella giornata di apertura ci spalanca le porte il Golf Club Eppan (Appiano): un campo da golf a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Lo schianto in località Camol è costato la vita a Rudolph Hiemer e a Roland koller

AEREO PRECIPITATO SUL GRAPPA: LA PROCURA HA APERTO UN'INCHIESTA

Firmato il nulla osta per la sepoltura dei due cittadini tedeschi


BORSO DEL GRAPPA – (gp) La Procura di Treviso ha aperto un'inchiesta in merito allo schianto dell'ultraleggero costato la vita a Rudolph Hiemer, 49 anni, e Roland Koller, 53 anni, i due cittadini tedeschi precipitati sabato pomeriggio sul monte Grappa in località Camol a 1.250 metri d'altitudine. Il pm Mara De Donà ha disposto il sequestro del velivolo per accertare se ci siano stati o meno difetti di fabbricazione, scarsa manutenzione o rotture dell'ultraleggero prima dello schianto. Al momento non c'è nessuna ipotesi di reato: che si sia trattato di un malore o di una manovra errata cambia poco a livello penale visto che il pilota, anche se ritenuto responsabile, è deceduto assieme all'unico passeggero a bordo in seguito all'impatto. Per questo il pm non ha disposto l'autopsia sui corpi delle vittime, riservandosi di procedere qualora emergessero profili di responsabilità di terzi a livello progettuale o di manutenzione dell'ultraleggero. Secondo una prima ricostruzione dei fatti il velivolo, a prescindere dalle condizioni meteo particolarmente avverse data la fitta nebbia presente al momento dello schianto, potrebbe aver urtato degli alberi ed essersi rovesciato. L'indagine degli inquirenti mira anche a stabilire l'esatta dinamica del sinistro.