Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Manildo: "Diamo seguito alla sentenza del Tar, è una scelta di buon senso"

VIA AI LAVORI AL MUSEO BAILO, SALVO IL CONTRIBUTO EUROPEO

I 2,7 milioni di euro di Ue, Stato e Regione non sono andati perduti


TREVISO - “Diamo seguito alla sentenza del Tar affinché possano iniziare al più presto i lavori di ristrutturazione del Museo Bailo. Questa è la vera priorità per Treviso e per i suoi cittadini”. Commenta così il Sindaco di Treviso Giovanni Manildo la decisione dell’amministrazione comunale di dare seguito alla sentenza del tribunale regionale che stabilisce la revoca dei lavori alla società per azioni LI.TA costruzioni S.p.a, aggiudicandoli invece alla ditta Due P Srl. “Si tratta di una scelta di buon senso che tiene conto del vero obiettivo con il quale il Comune aveva deciso di indire un bando di gara: ovvero la ristrutturazione di uno dei musei più importanti della nostra città. Assegnare immediatamente l’esecuzione dei lavori alla Due P è l’unico modo che abbiamo per non rinunciare a quei 2milioni e 700mila euro che la Ue, lo Stato e la Regione avevano destinato per questi interventi”, sottolinea il Sindaco. La scelta dell’amministrazione comunale tiene contro anche dell’eventualità che la LI.TA S.p.a possa ricorrere in appello, chiedendo così l’intervento del Consiglio di Stato che in questi casi è chiamato ad esprimersi nel giro di tre o quattro mesi di tempo. Nel contratto stipulato con la Due P il Comune ha infatti inserito una clausula risolutiva in base della quale, se l’organo di appello dovesse esprimersi diversamente, il Comune salderà i lavori eseguiti fino a quel momento alla Due P e affiderà nuovamente i lavori alla prima impresa. “Il compito dell’amministrazione in questa vicenda era di creare le condizioni affinché i lavori potessero essere avviati al più presto grazie anche ai contributi europei che, fino ad oggi, troppo spesso ci siamo lasciati sfuggire”, chiude il sindaco.