Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/223: I SOCI AIGG SI SFIDANO SULLE DOLOMITI

Tre giornate in quota tra Alto Adige e Trentino


BOLZANO - Un interessante momento nelle gare dell’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti: tre giornate di golf impegnativo, in aggiunta all’annuale challenge, per godere le Dolomiti. Nella giornata di apertura ci spalanca le porte il Golf Club Eppan (Appiano): un campo da golf a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Arrestato un 44enne laziale: interrogato dal gip è tornato subito in libertà

TENTATA ESTORSIONE DOPO L'ASTA: IMPRENDITORE FINISCE IN MANETTE

Avrebbe chiesto 2 mila euro alla vittima per evitare il rilancio all'asta


VALDOBBIADENE – (gp) Imprenditore in manette per tentata estorsione. A mettere i carabinieri di Valdobbiadene sulle sue tracce è stata la vittima di 49 anni che, stando alla denuncia, si era aggiudicata un’asta giudiziaria all’incanto del Tribunale di Treviso per dei mezzi agricoli, pagati 40 mila euro. L’asta sarebbe stata sua se nei successivi 10 giorni un altro acquirente non avesse rilanciato la sua offerta. Secondo gli investigatori dopo pochi giorni la vittima avrebbe ricevuto una telefonata minacciosa, da parte dell'imprenditore (un 44enne laziale) il quale avrebbe detto che in cambio di 2 mila euro avrebbe evitato di rilanciare. Episodio che venne subito denunciato e che fece scattare la trappola: quando il 44enne si è presentato all’appuntamento in un bar di Valdobbiadene e dopo la consegna della somma è stato tratto in arresto. Finito di fronte al gip, che ha convalidato l'arresto ma anche disposto l'immediata scarcerazione senza nessuna misura cautelare, il 44enne ha raccontato una diversa versione dei fatti: contattata la presunta vittima per poter vedere i macchinari prima di rilanciare l'offerta, avrebbe ricevuto un rifiuto. Così avrebbe chiesto alla vittima il pagamento delle spese per la trasferta. Una versione che verrà approfondita nel corso delle indagini.