Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/248: PADRAIG HARRINGTON CAPITANO DELL'EUROPA IN RYDER CUP

Nel 2020 l'irlandese guiderà il team continentale nella sfida agli Usa


ROMA - Sarà l’irlandese Padraig Harrington, a svolgere la missione di Capitano europeo alla Ryder Cup 2020, prossimo appuntamento americano fra Europa e Stati Uniti. Harrington è stato scelto da un Comitato composto dagli ultimi tre capitani del massimo circuito europeo: Paul...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/247: I CAMPIONI DEL PGA INIZIANO L'ANNO ALLE HAWAII

L'outsider Schauffele trionfa nel torneo riservato ai 37 vincitori del circuito


MAUI - Al Plantation Course di Kapalua, è andato in scena l’evento riservato alla crema del PGA, cioè ai 37 che hanno vinto un torneo nel circuito della passata stagione. Il Sentry Tournament of Champions ha luogo sempre durante la prima settimana di gennaio, sempre nel medesimo...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/19: IL MOLINETTO GOLF & COUNTRY CLUB

Dai Celti agli Sforza, a Cernusco sul Naviglio si gioca tra la storia d'Italia


CERNUSCO SUL NAVIGLIO - Quello che colpisce maggiormente arrivando al Golf Molinetto, è di trovarsi all’improvviso in una realtà che si stacca completamente da tutto ciò che la circonda: il territorio tipico della Lombardia produttiva, dove la gente è soprattutto...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Una seconda perizia conferma le accuse a Claudio Vendramin, 59enne di Ponzano

INVALIDO E BALLERINO: L'IMPORTO CALA MA IL REATO RESTA IN PIEDI

Contestata una truffa all'Inps da 69 mila euro, non più da 165 mila


PONZANO – (gp) L'ammontare del denaro indebitamente percepito cala, ma l'accusa rimane in piedi. La perizia disposta dal tribunale di Treviso ha infatti limato la somma contestata a Claudio Vendramin, l'ex operaio 59enne di Ponzano Veneto accusato di truffa ai danni dell'Inps per aver percepito dal 2004 al 2010 una pensione di invalidità con tanto di accompagnatoria di cui non aveva diritto, ma ha di fatto messo un punto fermo nel procedimento penale a suo carico. Ora spetta alla difesa, rappresentata dall'avvocato Roberto Campion, decidere se rinunciare al rito abbreviato per andare a dibattimento o se confermare il rito alternativo per ottenere uno sconto di pena in caso di condanna. Una prima perizia medica eseguita dal professor Gianni Barbuti aveva stabilito che l'imputato risulta avere un'inabilità deambulatoria a causa di una mielopatia, con un'invalidità riconosciuta all'85% e non al 100%, e quindi non destinatario di alcuna accompagnatoria che in sette anni avrebbe fatto percepire a Vendramin 39.454,43 euro a cui non avrebbe avuto diritto. A questi soldi si deve ora aggiungere la differenza stabilita da una seconda perizia effettuata da un funzionario dell'Inps: passando dal 100% all'85% di inabilità, non si parla più di pensione ma di un assegno di invalidità. La discrepanza tra il denaro percepito legittimamente e quello percepito indebitamente sarebbe di poco inferiore ai 30 mila euro. A questo punto Claudio Vendramin verrà chiamato a rispondere sempre truffa ai danni dell'Inps ma non più per un importo di 165 mila euro ma per poco meno di 69 mila. L'inchiesta era partita dopo che l'uomo, dichiarato invalido al 100%, era stato beccato a ballare salsa e merengue tre volte a settimana.